VOLLEY/C Fle – Comiso’s derby: la Logos vince (ancora) sull’Annunziata.

bloc 1

Ancora una volta la Logos ha passato per la terza volta l’esame derby in danno dell’Annunziata. Pieno il Paladavolos per due squadre cugine da acerrime rivali

Logos Comiso 3 – Annunziata 0
(parziali: 25-18 | 25-19 | 25-14)

Il team della Logos Ardens Comiso con in alto alla estrema dx, il main sponsor Rosario Alescio della Logos ed il presidente dalla squadra, Giovanni Sudano
Logos

testo nunzio brafa*

COMISO – L’Annunziata si ferma nel derby stracittadino con la Logos Comiso. La squadra cara del presidente Corallo cade nella più classica emozione soprattutto quando si tratta del derby per Eccellenza: la paura. A nostro avviso le due squadre, al di là della classifica, si equivalgono, ma va comunque dato merito alle avversarie biancorosse per la vittoria. Risultato finale: 0-3; 18/25 – 19/25 – 14/25.

Il tecnico Reccavallo, dopo una serie di consulti con il vice Tomaselli, ha convocato Modica, Asta (K), Reccavallo, Paravizzini, Sbezzi, Bellassai, Pollara, Vacirca (L) e Meli. La novità è proprio la Meli proveniente dal settore giovanile dell’Annunziata U16 che è stata convocata non solo per meriti sportivi, ma proprio per far respirare alla giovane atleta aria di prima squadra.

Il sestetto gialloblu parte subito contratto, la tensione è tanta ed infatti avvio shock della Logos Comiso con un parziale di 7/1. La squadra capitanata dalla Asta non si disunisce, anzi, rimonta, crea gioco, ma le avversarie puntano tutto sulla ricezione, con una grandissima prestazione del libero Gueli, e sulla difesa, bloccando gli attacchi della Modica. Il fine parziale del primo set è di 25/18 per la Logos Comiso.

Nel secondo set, l’Annunziata lotta con le avversarie punto a punto, ma complice ancora una volta di disattenzioni clamorose in fase di ricezione, consentono alla squadra biancorossa di prendere il largo e di far suo il set: 25/19.

Terzo set senza storia, con le Annunziatine che hanno lasciato anzitempo il campo da gioco. Le avversarie ringraziano e portano via i tre punti in un derby, di fronte a tantissima gente che ha assiepato gli spalti del “PalaDavolos” con la spettacolare coreografia del pubblico.

Sulla partita, beh, la squadra dovrebbe fare mea culpa” – dicono i dirigenti dell’Annunziata – per la serie infinita di errori che non rispecchiano assolutamente quello visto nella giornata precedente con la vittoria di danni della Planet Strano Light, ma a cui noi, inteso come società, diamo massima fiducia, mostrando ottimismo per ciò che verrà da quì a fine stagione agonistica“.

Forse, ancora una votla di trippo – a dire il vero – le giovani dell’Annunziata non hanno retto l’emozione del derby seppur in parte comprensibile data la posta di prestigio in palio.

.

In virtù di questa vittoria la Logos Ardens Comiso conferma, dall’alto dei suoi 22 punti, la lusinghiera quinta posizione in classifica, alla cui guida troviamo la Teams Volley Catania con 36 punti ma con una partita in più rispetto alle dirette inseguitrici; tallonano la Hobbit Scordia con 35 punti e la PVT Modica con 33 punti; la quinta posizione, con 18 punti all’attivo, è condivisa da Pallavolo Augusta e Bellia Paternò, quindi la US Modica con 12 punti, chiudono la classifica, rispettivamente con 9, 6 e 4 punti, Planet Pedara, Polisportiva Annunziata e Pallavolo Caltagirone.

Nella prossima giornata, turno pressochè impossibile per l’Annunziata che andrà in scena sul campo della forte Pallavolo Hobbit domenica 10 Marzo, mentre La Logos Ardens Comiso scenderà in campo domenica 10 Marzo nuovamente al Paladavolos nell’inconsueto orario delle 20.00 causa la concomitanza con una partita di calcetto femminile. Avversario di turno l’ostica Pallavolo Augusta; dovranno preparare con estrema attenzione Emanuele Campo e le sue ragazze questo prossimo impegno perché una eventuale vittoria rafforzerebbe la preziosa quinta piazza ma un mal augurante passo falso potrebbe compromettere quanto di buono si è costruito fin qui._

Ti è piaciuto questo articolo?

Leave a Reply

Your email address will not be published.