TIRO SPORTIVO – A Scicli riprende il campionato FSTS.

bloc 1

Si riprende a sparare (ai bersagli) per il campionato siciliano di tiro sportivo con armi ex-ordinanza e sportivo.

Il podio della Categoria B

di cristiano nasta*

SCICLI – Dopo la categoria Sport, domenica 7 aprile, il Campionato Siciliano di tiro Ex-Ordinanza e Sportivo prende il via anche per le due categorie relative alle armi Ex-Ordinanza, con le mire metalliche (Categoria A) e con ottica (Categoria B “Sniper”). Teatro della gara è lo SportGun di Scicli dove si è gareggiato sulla doppia distanza di 50 e 70 metri, con fucile imbracciato, quindi senza appoggio, da posizione in piedi o in ginocchio. La gara è stata caratterizzata da condizioni atmosferiche piuttosto avverse: vento forte, freddo e pioggia hanno messo a dura prova le capacità dei tiratori. Inutili, se non controproducenti, sono state le strategie di attesa di un miglioramento del tempo che, invece, è peggiorato.

Da queste premesse non c’è da meravigliarsi se la gara non ha portato da subito risultati eccellenti. Il primo a superare gli 80 punti al tabellone in Categoria A è Francesco Cicero, di Scicli, 82 punti con Mosin Nagant con il concittadino Pino Puntara, anch’egli con Mosin Nagant, che lo segue a ruota con 79 punti. L’agonismo aumenta e un altro tiratore di casa, Bartolomeo Conti, realizza 84 punti più una mouche. La posizione di testa vede cambiare nome ancora due volte: prima con Pino Puntara che alla sua seconda prova realizza 87+1 e infine col catanese Giuseppe “Fifì” Carbone che realizza con un Carl Gustaf M96/38, 88 punti più una mouche, punteggio che lo porterà alla vittoria.

Le condizioni avverse del tempo si sono fatte vedere anche nella gara Sharp Shooter, la gara di rosata. L’unico tiratore a realizzare, durante la mattina, una rosata inferiore a 20cm è Giovanni Canzonieri di Comiso/Pedalino con Mosin Nagant M39 che realizza prima 19,8 cm e successivamente 18,7 cm. Sarà di nuovo Bartolomeo Conti a scalzare Canzonieri dalla prima posizione con 15,4 cm. Ma ancora devono tirare i catanesi: prima Fifì Carbone realizza 11,1 cm con il suo Carl Gustaf e, quando tutto sembra concluso, Gaetano Pierino, amico e concittadino di Carbone, con lo stesso fucile, stupisce scendendo sotto i 10cm con una rosata di 9,7 cm che resterà la migliore.

La gara in Categoria B Sniper sembra iniziare in maniera analoga: risultati non eccellenti per nessuno, condotta da Pino Puntara con 79 punti e Mosin Nagant 91/30 Sniper. Gli si avvicinano Emanuele Salonia di Pozzallo con Mosin Nagant 91/30Sniper a 75 punti, Carbone con Carl Gustaf M41B a 77+1 e Rosario Iacono di Ispica con Mauser Norvegese sniper e 76 punti ma nessuno lo supera. E’ nuovamente Catania a salire in cattedra (o sul podio), ancora con Gaetano Pierino, anche lui con Carl Gustaf M41B, che alla sua seconda prova, realizza 88+1 che lo porterà alla vittoria.

Nella gara Sharp Shooter è Fifì Carbone a condurre per quasi tutta la giornata con una rosata di 13,9cm, superato prima da Emanuele Salonia (12,7cm) e dopo da Gaetano Pierino (12,3cm). Quando anche il quarto “primo posto” sembra andare a Catania, due atleti del ragusano, con lo stesso fucile, un Mauser Kar 98K con canna norvegese in 30-06, sorprendono tutti. Prima Paolo Mancarella di Modica, scende sotto i 10 cm realizzando una rosata di 9,4 cm, successivamente Rosario Iacono ne realizza una di 9 cm netti che resta la migliore portandolo sul gradino più alto del podio.

Anche in questa giornata si sono svolte le prove di solidarietà che consistono, per ciascuna categoria, nel colpire un particolare bersaglio con un solo colpo nel tempo di 60 secondi. Il ricavato di queste prove verrà interamente devoluto alla ricerca sulle cellule staminali tumorali condotta dalla Fondazione Istituto Oncologico del Mediterraneo (IOM) di Viagrande (CT). Le prove, in totale, sono state 22.

La classifica generale vede in Categoria A, Fifì Carbone al comando con 50 punti, seguito da Gaetano Pierino a 40 e Bartolomeo Conti a 35. In Categoria B troviamo Gaetano Pierino a 45 punti, Rosario Iacono a 42 e Fifì Carbone a 30.

Ottima la gestione della gara da parte dello SportGun e del suo personale guidato da Guglielmo Conti. Un doveroso ringraziamento a Salvo Scuderi per la direzione di gara e a Debora Petta per il lavoro di segreteria._

* ss

Ti è piaciuto questo articolo?

Leave a Reply

Your email address will not be published.