RUGBY/C – Padua Rugby: la meta per la B, più vicina

bloc 1

Il Padua Rugby Ragusa batte il Gorima Trepuzzi e vola in semifinale, dove affronterà, in trasferta, il Latina: il sogno continua.

Antonio Modica, con moderazione… fa capire la propria sommessa soddisfazione per la vittoria!

Padua Ragusa Rugby 16 – Gorima Trepuzzi 6

RAGUSA – Due erano gli obiettivi odierni del Padua Rugby Ragusa: per passare al turno successivo dei play off occorreva battere il Gorima Trepuzzi con almeno quattro punti di scarto; per sperare, invece, di giocare la semifinale tra le mura amiche bisognava segnare almeno quattro mete e contare su risultati favorevoli dagli altri campi.

Dopo ottanta minuti di gioco, uno solo, il primo, i ragusani sono riusciti a centrare. Il 16-a-6, infatti, sommato all’8-a-11 dell’andata, permette al Padua di volare il semifinale, dove affronterà, in trasferta, il Latina.

I ragusani, dicevamo, dovevano innanzitutto vincere, e per questo, stamattina, sono scesi sul rettangolo di gioco del Petrulli con l’animo di chi sa di giocarsi tutto in una partita. Da parte loro, i trepuzzini, partendo da un vantaggio minimo, sapevano di non poter contare sul risultato dell’andata e per questo hanno cercato di fare la loro partita. Ne è venuto fuori un incontro molto bello, equilibrato quanto quello visto al Vittorio di Trepuzzi otto giorni orsono, e risolto solo a quattordici minuti dalla fine, grazie a una meta in prima fase di Stefano Iacono, bravo a infilarsi in un buco lasciato libero dalla difesa salentina e a poggiare l’ovale al centro dei pali.

Ma prima, per 64 minuti, le due squadre hanno sudato e si sono affrontate a viso aperto, con una leggera supremazia paduina nel gioco, e con il Trepuzzi che ha approfittato di ogni occasione che gli è stata concessa per fare male alla difesa iblea.

E al triplice fischio si può scatenare la festa, sia in campo che in tribuna.

Ma, è giusto dirlo, onore al Trepuzzi che ha disputato un ottimo quarto di finale e che, probabilmente, come dichiarato dall’allenatore, il signor Alberto Follo, ha da rimproverarsi più per la vittoria risicata di domenica scorsa in casa, che per la sconfitta odierna.

Soddisfazione, invece, nello spogliatoio biancazzurro per il passaggio del turno, anche se la mancata conquista del punto di bonus costringerà la squadra del presidente Tumino a giocarsi il passaggio del turno fuori casa. Ma, come detto da coach Vinti, «giocare in casa è certamente un vantaggio; noi però vogliamo andare fino in fondo e allora vuol dire che andremo a vincere a Latina»._

Ti è piaciuto questo articolo?

Leave a Reply

Your email address will not be published.