RUGBY – Il Padua vince anche sulla sabbia.

bloc 1

Il Padua Rugby Ragusa vince la tappa siracusana del Beach Rugby e si candida a rappresentare la Sicilia alla fase nazionale di Alba Adriatica.

Il Padua versione “beach”

SIRACUSA – Con i campionati fermi per la pausa estiva, è il Beach Rugby a salire agli onori della cronaca sportiva con la Sicilian Cup, il torneo a tappe al termine del quale sarà scelta la squadra che rappresenterà la Sicilia alla fase nazionale che si terrà sabato 27 luglio sulle spiagge di Alba Adriatica, in provincia di Teramo.

Ieri, presso il lido Camonilla a Fontane Bianche di Siracusa, si è disputata la prima delle due tappe siciliane. Di fronte a qualche centinaio di spettatori si sono affrontate le squadre di Xiridia Floridia, No Training Siracusa, Padua Ragusa e i padroni di casa del Syrako con la formula del girone all’italiana, al termine del quale sono risultati vincitori i biancazzurri ragusani (tre vittorie su tre incontri), seguiti dal Syrako, con due vittorie su tre partite.

Sono state così Padua e Syrako a giocarsi il titolo in un’accesa finale, al termine della quale hanno avuto ragione i ragusani con il risultato di 5 mete a 2.

Questa la formazione del Padua: Enoc Valenti, Peppe Iacono, Cristian Iacono, Andrea Solarino, Michele Campanella, Eugenio Lo Presti, Gianluca Tumino, Andrea Battaglia, Marco Battaglia, Giulio Battaglia, Giovanni Licitra e Adriano Nicita. Quest’ultimo è stato anche eletto miglior giocatore del torneo.

Domenica prossima il circus del Beach farà tappa nella spiaggia di Caucana, in provincia di Ragusa. La manifestazione, che avrà inizio alle ore 10, è organizzata dal Padua e dal Rugby AudaxClan Ragusa e vedrà la partecipazione delle due squadre iblee oltre che delle tre che hanno già partecipato alla tappa siracusana, anche se non è esclusa, in extremis, la partecipazione di altre squadre.

In caso di vittoria, per il Padua si aprirebbero le porte della finale nazionale. «A questo punto abbiamo buone possibilità di qualificazione», ci ha detto Enoc Valenti. «La fase nazionale, invece, sarà tutta un’altra cosa. Di fronte avremo grandi squadri e, dunque, le possibilità di ottenere un buon piazzamento sono veramente poche. Ma già qualificarci, per noi, sarebbe un grande successo».

Lo scorso anno alla fase nazionale fu ammesso l’Amatori Catania, con il Padua che mancò la qualificazione proprio per un niente. Speriamo che quest’anno i ragazzi del neopresidente Vindigni abbiano un po’ di fortuna._

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Leave a Reply

Your email address will not be published.