PAOLILLO – Giochi di sera. La Cartia rischia la qualificazione?

bloc 1
Uno degli impianti sportivi di Cervia. Si potrebbe portare anche l'assessore Schillaci, per fargli vedere come sono gestiti gli impianti del "nord". A patto che si paghi lui il biglietto e non con i soldi pubblici.
Uno degli impianti sportivi di Cervia. Si potrebbe portare anche l’assessore Schillaci, per fargli vedere come sono gestiti gli impianti del “nord”. A patto che si paghi lui il biglietto e non con i soldi pubblici.

.

SCICLI – Dopo l’accordo inter/organizzativo per giocare la sera al fine di accorciare il torneo, ieri e l’altro ieri le prime partite.

I risultati sono stati inaspettati con la MondoVerde di Stefano Alfieri che perde 4-a-0 con la G&B Mormina di Memmo “D” Ficili e la Cartia Plant che si fa mettere all’angolo dalla Santa Maria La Nova per 3-a-2.

Secondo il nuovo calendario, ci saranno adesso:

  • mercoledi 9 ore 18,45 | s. bartolomeo vs all termic-acif serv.
  • giovedi 10 ore 18,45 | ottica minauda vs padre pio
  • venerdi 11 ore 18,45 | tiche t27 vs ottica trovato

.

CLASSIFICA

Con solo due partite in più, non ci possono essere sconvoglimenti particolari. Ma dei segnali si. Ed il primo è che la Cartia Plant, squadra di primo piano, segna così tanto il passo che rischia di non qualificarsi alla fase successiva. Secondo regolamento, sulle 10 squadra, le ultime due non passeranno e la Cartia è da quelle parti. Ha perso contro la SM La Nova e le prossime partite saranno, sulla carta, più che ostiche: con l’Ottica Minauda sabato 12 luglio e contro Mondo Verde il 14 luglio.

.

CHI VA A CERVIA? SOLUZIONE ALL’ITALIANA.

C’è poi la “faccenda” di chi dovrebbe andare a Cervia, alle finali nazionali Csen. Secondo regolamento e logica, sarebbe la San Bartolomeo vincitrice del torneo “Intemerato”. Ma come abbiamo detto, la squadra ha ufficialmente declinato l’invito rinunciando alla trasferta.

Per non lasciare un buco aperto, le soluzione potrebbero essere due: o la seconda classifica all’Intemerato, la Tiche T27 di Franco Portelli e Tonino Gambuzza o la Cartia Plant di Salvatore Cartia che lo scorso anno arrivò seconda e che quest’anno, visto il forfait della Calabria che ha comunicato non sarà a Cervia, potrebbe essere chiamata come testa di serie.

Quindi dall’Intemerato potrebbero partire in due, Tiche T27 e Cartia Plant.

Ma poi c’è la vincitrice del Paolillo che dovrebbe, anche questa, avere diritto. Per cui alla fine sarebbero in tre a poter partire.

Diciamo “poter” perchè è anche tutto legato ai costi. Il torneo a Cervia sarà dall’11 al 14 settembre e, da stime effettuate, un gruppo di una ventina di persone deve mettere in budget circa 6/7000 euro (300/350 a testa). Su questa cifra può incidere – relativamente – il contributo Csen per la Sicilia che, unica regiona in Italia, con il presidente del Csen ibleo Cassisi è riuscita ad ottenere la destinazione di un contributo proprio per queste trasferte che per noi sono “viaggi”. Ma questo contributo di 1000/1500 € – al massimo – dovrebbe, in ipotesi, essere diviso fra tre squadre. Tra tutte, pare comunque che solo la Cartia Plant stia valutando con più attenzione i budget per la partecipazione alla finale nazionale.

Quindi, anche se non si qualifica al Paolillo, può sempre partire per Cervia.

Ti è piaciuto questo articolo?

Leave a Reply

Your email address will not be published.