PALLAMANO/A2 – Angelo “Natalino” Portelli, allenatore dello Scicli.

bloc 1
Angelo "Natalino" Portelli, neo allenatore della Leaderbet Scicli, qui con la maglia di giocatore dello Scicli Sport Club della scorsa stagione.
Angelo “Natalino” Portelli, neo allenatore della Leaderbet Scicli, qui con la maglia di giocatore dello Scicli Sport Club della scorsa stagione.

SCICLI – Scelta interna per lo Scicli Sport Club, quest’anno Leaderbet Scicli, per quanto riguarda una delle ultime pedine dello scacchiere “roster”.

L’incarico di allenatore della squadra va a Angelo Portelli, meglio conosciuto come Natalino che quindi conferma i rumor tascorsi su una scelta interna ai ranghi societari.

In effetti c’erano state trattative con Salvo Cardaci, di Recalbuto, allenatore di esperienza con oltre 300 panchine in A1. Ma alla fine, complice da un lato la obiettiva necessità di definire meglio le strategie per i prossimi 8 mesi e la voglia di valorizzare le professionalità interne per una maggiore crescita locale, la dirigenza dello Scicli Sport ha assegnato l’incarico a Natalino Portelli.

Da lunghi nel mondo della pallamano, Portelli è diplomato Isef ed ha già ipotizzato quello che potrebbe essere  il cambio di passo della squadra. Se dal punto di vista della tecnica di gioco dei singoli non c’è tanto da intervenire, le prime indicazioni del neo-allentore sono per un maggior impegno dal punto di vista della forma fisica ed un cambio di velocità nel gioco. Secondo le prime analisi fatte, date anche dall’esperienza di giocatore in campo con le stessa squadra di Portelli, è probabile che lo Scicli voglia virare verso un gioco più dinamico e frizzante che non solo appoggiarsi solo sui “senatori”, esprienti ma a volte lenti.

Ecco quindi che in questo senso va già la prima ipotesi di avvio allenamenti. Che si presentano impegnativi. Secondo quanto trapelato, si tratterà di inziare intorno al 25 agosto con un programma di campo, piscina e palestra che indica la volontà effettivamente di andare verso la prestanza fisica come valore aggiunto di una squadra altamente competitiva.

THE STRANGER

Per il completamento della squadra, manca ancora la casella “straniero” con cui tutte le società cercano di apportare quel “quid” in più per fare la differenza. Dopo diverse trattative tra Argentina e diversi paesi Europei, pare – ma non ci sono conferme – che una trattativa più serrata sia con la Svezia dove un giovane giocatore di ottima prestanza fisica e esperienza anche nella nazionli youth, potrebbe essere interessato a lasciare i ghiacci artici per affrontare un più sereno inverno in Sicilia.

Le trattative, appunto, sono più che avviate e si sta adesso seguendo sia la definizione dei rapporti tra giocatore e società sia la parte burocratica per il tesseramento di un giocatore straniero.

E lo sport italiano, per burocratizia, è campione del mondo.

Ti è piaciuto questo articolo?

Leave a Reply

Your email address will not be published.