Mala tempora currunt: la Passalacqua in cattive acque. Bisogna ripartire da zero?

bloc 1

Terza sconfitta per la squadra cara a Gianstefano Passalacqua. Solo 1-su-19 i tiri da tre punti. Lambruschi: “Le ragazze ci hanno provato in tutti i modo ed a loro non posso imputare nulla, ma sono frastornate per la mancanza di gioco’. Ma cosa vuol dire Lambruschi?

Passalacqua 58 – Dike Napoli 68

.

Gonzalez al tiro (foto mauro)
Gonzalez al tiro (foto mauro)

.

RAGUSA – Terza sconfitta in campionato e prima sconfitta casalinga della stagione per la Passalacqua spedizioni che ieri sera contro Napoli ha messo in campo una prestazione delle più opache, perdendo con il punteggio finale di 58-68.

A pesare, in casa ragusana, è stata soprattutto la serata nera da tre punti, con 1 su 19 totale dai 6,75 che ha influito non poco nel risultato finale. Ma è chiaro che tutto il collettivo dovrà ritrovare gioco e fiducia nei propri mezzi, così come sottolineato dallo stesso tecnico biancoverde, Gianni Lambruschi, a fine partita: ‘Sicuramente le ragazze sono un po’ frastornate. C’è stato il cambio dell’allenatore, la nazionale che ha portato via metà squadra e poi sono andato via io per problemi miei venerdì scorso (lutto in famiglia, ndr) e tornato oggi in un periodo dove allenarsi è fondamentale. Non abbiamo ancora un gioco perché siamo rimasti ai 5 allenamenti fatti prima della partita con Torino e questo si è visto soprattutto nelle percentuali al tiro che tra l’altro sono abbastanza significative di un nervosismo che ha coinvolto un po’ tutte le ragazze. Diciamo che nonostante i nostri errori siamo rimasti in partita quasi sempre e che se al posto di uno su 19 da tre punti avessimo fatto 3 su 19 avremmo lottato punto a punto prendendo anche quel po’ di fiducia che invece ci è venuta a mancare. Anche perché abbiamo preso 16 rimbalzi in attacco, e quando prendi 16 rimbalzi in attacco di solito vinci. Per quanto riguarda Micovic, ha avuto un problema fisico e per questo non è più rientrata. Sono dispiaciuto perché un po’ di complicazioni le ho create proprio io con i miei problemi personali, ma le ragazze ci hanno provato in tutti i modi e a loro non posso imputare niente, forse qualche scelta scellerata ma se non hai un gioco su cui appoggiarti è normale affidarsi a soluzioni individuali”.

Una sorta di giustificazione anche cavalleresca di Lambruschi che se da un lato salva le ragazze, dall’altro mette in evidenza come non ci sia “gioco a cui appoggiasi“. Ma questo non può certamente essere imputabile ad una mancanza di un paio di allenamenti. Siamo sempre in serie A, di fronte a professioniste che, per un buon numero, sono state anche compagne di gioco e che dovrebbero persino avere un certo feeling. Quindi è da vedere se qualche altro allenamento risolleverà le sorti o Lambrsuschi abbia voluto dire che mancano proprio “le basi di gioco” da dover rifondare. Vedremo.

Lambruschi oggi sarà a Como per l’ultimo saluto alla madre, quindi tornerà a Ragusa per dirigere gli allenamenti di venerdì e sabato, prima della partenza per la trasferta di Orvieto.

Ti è piaciuto questo articolo?

Leave a Reply

Your email address will not be published.