ISTITUZIONI – Coni Sicilia commissariato con Giorgio Scarso.

bloc 1

Commissariamento per il Coni siciliano che qualche giorno fa ha visto le dimissioni del suo presidente. A guidare questa fase di transizione (?), il modicano Giorgio Scarso, già però super impegnato in altri incarichi.

 .

Sasà Cintolo (delagato Coni Ragusa) con Giorgio Scarso (commissario del Coni Sicilia). Quali programmi hanno per non far deperire di stenti lo sport ragusano e siciliano?
Sasà Cintolo (delagato Coni Ragusa) con Giorgio Scarso (commissario del Coni Sicilia).
Quali programmi hanno per non far deperire di stenti lo sport ragusano e siciliano?

.

RAGUSA – Non devono, evidentemente, pesare i troppi incarichi nel mondo dello sport al maestro (di scherma) Giorgio Scarso che da qualche giorno è stato nominato “reggente” del Coni Sicilia, ovvero commissario di un disastrato ente che è il Coni nella sua versione sicula.

Giorgio Scarso è, infatti, zeppo di impegni come presidente della Federazione Italiana Scherma, vice presidente mondiale della FIE, la federazione internazionale della scherma (assieme con Ana Pascu e Wei Wang) e pure già vice presidente del Coni nazionale.

Eppure ha trovato il tempo da dedicare al Coni Sicilia, praticamente disastrato – qualcuno dice persino inutile – che ha visto il suo ex presidente, Giovanni Caramazza, dimettersi in quanto praticamente sfiduciato da una buona parte dei membri delle Federazioni sportive siciliane che sono l’ossatura sul territorio dello stesso Coni. Che è, vale la pena ricordarlo, un ente di “secondo livello”, una specie di collettore e coordinatore che mette assieme le diverse discipline di cui è composto il panorama nazionale.

Dimissioni, quelle di Caramazza, che vengono a circa un anno dalla sua elezione del gennaio 2013, segno di una totale mancanza di progetti e strategie che hanno piuttosto portato a cozzare gli uni e gli altri, forse anche su giochi di potere attorno al malato “sport” del quale si rischia di dover scrivere tra poco “deceduto”.

Quali siano i progetti di Scarso, effettivamente non li sappiamo. Buona volontà certamente ma nel concreto non sappiamo. In diverse dichiarazioni Giorgio Scarso ha sottolineato la volontà di sostenere lo sport, agevolarne la crescita, ecc ecc.

Ma in pratica, nessun “business plan” pare sia stato rilasciato. D’altra parte, Scarso è un commissario, un uomo d’emergenza, per cui dovrebbe rimettere in sesto le cose e lasciare ad altri. Ma i commissariamenti, in Italia, rimangono praticamente sine die.

Accanto a Scarso, il v.presidente della Federazione rugby, il catanese Orazio Arancio.

Mercoledì 22 gennaio 2014 nella sede del Coni Sicilia alle ore 11,30 si svolgerà la conferenza stampa per il passaggio di consegne con l’insediamento del duo Scarso/Arancio._

.

Approfondimento –

Questo quello scritto nel sito del Coni Sicilia, in merito al “Comitato” oggi non più in carica, sfiduciato sostanzialmente da diversi presidenti di federazione ed oggi commissariato

Chiacchiere buone per tutte le stagioni con colpe – eventuali – che nessuno pagherà:

Un nuovo punto di partenza verso progetti più ambiziosi e verso mete più alte per lo sport siciliano. Un obiettivo possibile per rilanciare la cultura dello sport e per porre l’attenzione sul mondo dello sport in Sicilia che continua, con un costante lavoro sistematico di tutto lo staff del Comitato Regionale, a segnalarsi per dinamicità e capacità competitiva ai massimi livelli.

L’azione di coordinamento dell’attività delle diverse Federazioni ed Enti di Promozione Sportiva avviata dal Comitato Regionale del Coni Sicilia ha già prodotto ottimi risultati valorizzando il dialogo con gli atleti, con le associazioni, con gli enti locali e con il territorio. Il proficuo rapporto con le istituzioni locali non ha mai perso di vista, però, l’obiettivo primario, ossia garantire prima di tutto il diritto alla pratica sportiva.

Per questo motivo il Coni si rivela la sede più adatta per cooperare all’interno di un progetto comune, all’interno di una programmazione integrata che vede protagonisti tutti i soggetti interessati alla pratica sportiva. Tutto ciò appare quanto mai importante proprio per attività come quelle sportive. È evidente, quindi, come nello sport vi siano da programmare spazi, eventi, attività, organizzare impianti e attrezzature, curare la formazione professionale, tutte cose che spesso superano la logica locale e che hanno bisogno di un continuo rapporto tra istituzioni (Comune, Provincia e Regione) e operatori sportivi (il Coni, le Federazione Sportive Nazionali, le Discipline Associate, gli Enti di Promozione Sportiva, le Associazioni Sportive Dilettantistiche), entità fortemente interessate alla collaborazione con le strutture pubbliche.

Ti è piaciuto questo articolo?

One Response to "ISTITUZIONI – Coni Sicilia commissariato con Giorgio Scarso."

  1. Pingback: CONI - Scarso fa il sarto: deve ricucire. |

Leave a Reply

Your email address will not be published.