INTEMERATO – Seconda giornata completata.

bloc 1

Seconda giornata finita. La Cartia Plant è partita ben convinta ma i team dimostrano un certo livellamento che renderà impegnativo – ed interessante – questo torneo 2013/2014.

.

29-12-2013

,

SCICLI – In un mese di dicembre che sembra maggio ed un clima natalizio che è piuttosto primaverile, giocata la seconda giornata dell’Intemerato, torneo di calcio a 11 di decennale storia.

La 2^ giornata, divisa nei giorni di sabato e domenica, ha visto incontrarsi Pan Divino vs S. Bartolomeo (0-a-4), Padre Pio vs MondoVerde/Mirò (1-a-4), Tiche T27 vs Cartia Plant (1-a-5), Ottica Minauda vs Ottica Trovato (0-a-7), Maracaibo vs Avg New Team (1-a-1)

.

Pan Divino 0 – San Bartolomeo 4

San Bartolomeo
San Bartolomeo

.

Tra Pan Divino – squadra “estera” visto che per la maggior parte è fatta da ragazzi modicani con qualche “indigeno” sciclitano – e San Bartolomeo – squadra dedicata ad un quartiere di Scicli – la sorpresa è stata una Pan Divino poco e niente rinunciataria. Storicamente le squadre organizzate con tanta buona volontà ed impegno da Fausto Monteforte, non hanno mai avuto grandi chance. Quest’anno invece il gruppo è partito bene e, nei colori “rosso/blu” di Modica, sta ritagliandosi un suo spazio.

In campo, però, non ha potuto molto contro il San Bartolomeo, ben rinforzato anche di ottimi giocatori individuali anche se ha il PD (che non sta per “partito democratico”) è riuscito a tenergli testa per tutto il primo tempo.

Nel secondo, il SanBa è dilagato ad opera di Antonio Allibrio. Il primo gol al 12° st è un calcio piazzato, leggero ma angolatissimo che Allibrio avvita dietro le spalle del portiere (0-a-1).

Neanche il tempo di rimettere la palla in gioco che, sempre Allibrio (oggi “tarantolato“) si libera degli avversari arrivando da solo davanti al portiere che, sebbene in precipitosa uscita, non riesce a fermarlo (0-a-2). Il terzo gol viene da un penalty procurato da Giorgio Assenza (entrato nel secondo tempo) che viene “concesso” a Giovanni Contarini che segna per lo 0-a-3.

.

29-12-2013

.

Quasi al 30° di gioco (ogni tempo dura 35′), il quarto gol ad opera di… Antonio Allibrio che raccoglie un rimpallo in area e, visto che ne aveva fatti pochi, fa anche il quarto gol ben spiazzando il portiere (0-a-4).

Un paio di note su questa partita per un gesto sportivo del nr 11 del SanBa, Fabio Roccasalva che ha commesso fallo di mani e si è fermato da solo, riconoscendo l’infrazione. Forse anche per riflesso automatico ma laddove tutti cercano di fare i “santi”, un “peccatore” sportivamente confesso deve essere elogiato.

Poi, la questione “bestemmia”, che ad un certo punto è volata alta. Da regolamento, Figc e ripreso pari-pari dal gruppo Gnais, porterebbe all’espulsione immediata in ossequio al rispetto, oggi spasmodicamente riconosciuto, alle varie religioni.

L’espulsione non c’è stata, un certo brusio e proteste si sono levate.

Potrebbe essere che l’arbitro non abbia sentito bene, che il “colpevole” abbia piuttosto invocato parenti e famigliari (uno zio, per esempio) o qualunque altra situazione. Fatto sta che, però, dallo Gnais confermano che in caso di bestemmia l’espulsione sarà automatica. E dopo quanto accaduto, si potrà scommettere che sarà così. Meglio lasciare gli “zii” a casa.

Infine una certa insicurezza, comunque, dell’arbitro, Massimo Ficili che, forse in giornata no, non ha dimostrato quella necessaria certezza d’atto e di decisione fondamentale per chi ricopre tale ruolo. E che, magari spesso, lo ha portato ad essere tirato per la giacchetta (nera) nel fischiare falli ed infrazioni. Con lui, hanno diretto l’incontro come “assistenti di linea”, Portelli M e Spitale G.

.

Padre Pio 1 – MondoVerde/Mirò 4

MondoVerde/Mirò
MondoVerde/Mirò

.

Sopresa per il risultato finale della squadra di mr Piero Falla (PP) messa all’angolo da un effervescente MvM. La prima parte dell’incontro è stato di sostanziale equilibrio. Il primo “liscio” va assegnato a MvM con Mattia Micieli che a porta vuota e portiere battuto, manca di trasformare.

Col passare dei minuti, pare più evidente che MvM assalta e PP cerca di difendersi, peraltro in maniera non del tutto ordinata.

Il primo gol al 13° con Cristian Drago (MvM) che dalla 3/4 campo soprende il portiere Franco Iacono (in forza anche allo Scicli Club di Pallamano serie B) (0-a-1). Qualche minuto dopo, è Franco Marinero (MvM) che su punizione fa il pelo-al-palo.

Al 15° circa brutto fallo ai danni di Alessandro Iemmolo (PP) che esce a braccia dal campo. Al 18° buon intervento del portiere Iacono che sventa un potente diretto in porta.

.

Franco Marinero a colloquio con il mr., Stefano Alfieri
Franco Marinero a colloquio con il mr., Stefano Alfieri

.

Le luci che si accendono verso le 17:10 mettono, evidentemente, a fuoco la porta di PP perchè dopo pochi minuti Franco Marinero si lancia in avanti palla in resta, smarca il portiere e mette a rete (0-a-2) e chiude il primo tempo.

Nella ripresa, al 6° PadrePio esce fuori e Leonardo Carnemolla mette dentro da punizione, facendo distendere lungo il portiere che però è spiazzato (1-a-2).

Padre Pio aumenta la pressione a centro area buttandosi in avanti ma oggi è una giornata “green” è al 29° prima e poi al 31° gli altri due gol che siglano l’1-a-4 finale.

E’ stata una partita nervosetta – arbitrata da Massimo Portelli con Beninato M e Spitale G – con parole in campo che si sono trasformare nel solito circo del “ci vediamo dopo” e cose simili. Doppia ammonizione con espulsione per Franco Lauretta (PP) ammonizione per Patrizio Iurato (PP) e per Enrico Gugliotta, Mattia Micieli, Franco Marinero più un certo “nr 1” che da referto non siamo riusciti ad individuare.

.

Alessandro Iemmolo esce per un, fortunatamente, non grave infortunio.
Alessandro Iemmolo esce per un, fortunatamente, non grave infortunio.

.

Se, come sempre abbiamo detto, l’adrenalina deve girare ed è giusto che giri, usare il cervello oltre che supposte “palle” (a parte in campo) è una cosa neccessaria.

.

La terza partita della prima fase, tra Tiche T27 e Cartia Plant si è conclusa con un netto 1-a-5 per i campioni in carica della Cartia. Per la Tiche ha segnato Valero Nigro mentre per la Cartia la sequenza (grazie agli arbitri Gnais che prendono nota) è stata: Alex Gennuso – Antonio Rizza – Mattia Burrafato – Salvatore Guastella – Antonio Rizza.

Tre ammoniti in corso d’opera dal trio arbitrale Iacono S, Arrabito G e Baninato M: Girolamo Arrabito (CP) e Giuseppe La China e Bartolomeo Tasca per T27.

.

Le partite di domenica, con un cielo azzurro ed un sole da primavera, hanno visto l’orby-derby (le due ottiche) e Avg New Team contro Maracaibo.

Ottica Minauda 0 – Ottica Trovato 7

San Bartolomeo
Ottica Trovato.

.<

Per l’orby-deby tra le due conosciute ottiche locali, la Trovato a Donnalucata e la Minauda a Scicli, debacle totale di Minauda.

Vero è che, per la Minauda, nessuno dei due portieri titolari era disponibile e ci si è dovuti affidare al “volontario” di turno, Giovanni Schembri che ha fatto quel che ha potuto.

Ma, a parte che ha fatto poco e pure male, è anche vero che ha avuto una difesa colabrodo ed ha reso evidente che fare il portiere è davvero un ruolo super specialistico non per tutti.

Primo gol, non immediato ma al 20° del capitano OT, Angelo Di Tommasi che raccoglie un rimbalzo in area e fa gol. Ha festeggiato con una capriola, cosa che pare faccia spesso, anche negli spogliatoi per dare la carica (0-a-1).

Passano 8 minuti e Antonello Micieli segna il secondo gol ai danni di un volenteroso ma sostanzialmente inutile, portiere. (0-a-2). Così si chiude il primo tempo.

Il secondo tempo regala un rigore alla Ottica Minauda al 6° ma viene sprecato prendendo il palo. Gol-mancato-gol-subito ed al 7° Samuel Moriggi si invola nel lungo linea, si smarca del portiere e mette in rete per lo 0-a-3.

,

29-12-2013

_

Al 13° su calcio d’angolo messo al centro della 3/4 campo della OM, Francesco Giardina becca il pallone di collo pieno ed insacca alla sinistra del portiere (0-a-4).

Al 18° tocca a Davide Ficili che dal limite dell’area passa l’incolpevole portiere-fantasma per andare allo 0-a-5.

Se il portiere/sostituto della Ottica Minauda ha tutte le scuse, meno è il colabrodo difesa che lascia passare di tutto. Meglio schierato il centro campo che però non è stato capace di spingere seriamente qualcuno all’attacco.

Al 22° i “minaudi” ci provano con una buona azione che arriva sotto porta ma scaricano addosso al portiere.

Non passano neanche 30″ e i “trovatelli” vanno allo 0-a-6 con Daniele Ragusa che, molto semplicemente, tira a rete e fa gol, seguito poco dopo dallo 0-a-7 finale di Samuel Moriggi che fa avviare l’incontro verso la fine, evitando un continuo tiro a bersaglio da parte dei giocatori della OT, alla spasmodica ricerca del gol personale.

Il trio arbitrale “3G”, Arrabito G, Mania G e Portelli G, ha ammonito Emanuele Scifo della Ottica Minauda.

.

Maracaibo 1  – AVG New Team 1

Piacere di conoscerti
Piacere di conoscerti

.

Pareggio sostanzialmente corretto tra le due squadre, nella giornata in cui si è svelato che “avg” dovrebbe stare per “Asta Vincenzo Giannone” salvo verifiche e rettifiche, mentre Maracaibo rimane sempre lo chalet di Cava d’Aliga.

Al 12° del primo tempo, la prima azione con Giuseppe Aprile (Avg) che spara forte sulla treversa avversaria. Al 14° occasione d’oro sempre per Avg con Giulio Pirrè che raccoglie una palla lasciata correre per un grossolano errore del capitano/difensore del Maracaibo, Rosario Timperanza ma che Pirrè non riesce a trasformare nel vis-a-vis con il portiere del Maracaibo.

Il primo tempo trascorre senza grosse emozioni e le due squadre cominciano a far vedere di essere in debito di ossigeno.

L’unico a fare su-e-giù per il campo, aiutare in difesa, scattare veloce in attacco, portare palla senza pausa, è stato Angelo Vilardo, non per niente classe 1996 e che è stato certamente il migliore in campo. Per il resto del gruppo, la pausa tra i due tempi, è arrivata provvidenziale.

Nel secondo tempo, il primo gol arriva per la Avg con Bartolo Ferraro che raccoglie un prezioso invito da calcio d’angolo e segna per lo 0-a-1.

L’altra “emozione” al 24°, quando orami era più la stanchezza che il brio, con il pareggio di Angelo Vilardo che lascia un punto ciascuno alle due squadre.

Angelo Vilardo si è "tessuto" il campo dall'attacco alla difesa, di corsa, per 60 minuti filati.
Angelo Vilardo si è “tessuto” il campo dall’attacco alla difesa, di corsa, per 60 minuti filati.

.

Prossimi incontri stabiliti, ad oggi, solo quelli della 3^ giornata che si possono leggere nella pagina Intemerato qui su Sport Ibleo

Ti è piaciuto questo articolo?

Leave a Reply

Your email address will not be published.