INFRASTRUTTURE – La Provincia cede palestre.

bloc 1

L’Ente Provincia di Ragusa pronta a mettere sul mercato diverse infrastrutture sportive per la gestione privata. Si comincia con Vittoria e Donnalucata.

Pista atletica Donnalucata: quella che dovrebbe essere una corsia per salto in lungo.
Pista atletica Donnalucata: quella che dovrebbe essere una corsia per salto in lungo.

RAGUSA – Il tempo delle vacche grasse è finito, forse per sempre. E la gestione dei servizi pubblici deve liberarsi di molte zavorre – o ritenute tali – per concentrare le scarse finanze verso servizi ritenuti più essenziali (che spesso sono solo gli stipendi pubblici, per dire la verità).

In questa direzione anche la condizione gestionale delle infrastrutture pubbliche che stanno passando di mano, almeno nella gestione, in tutta Italia. Comuni, province, città metropolitane tendono sempre più ad attivare partenership tra pubblico e privato per sgravare la fiscalità generale dai costi gestionali.

Stesso tracciato per la Provincia regionale di Ragusa che ha in “pancia” diverse strutture sportive che si appresta a mettere “sul mercato”.

In gestione sono già il bel Palarizza di Modica (gestione privata), il palazzetto di Piano dell’Acqua a Chiaramonte (gestione comune di Chiaramonte), i campi da tennis e calcio a 8 in erbetta di Giarratana (gestione comunale), il campo da tennis di Kaucana (gestione privata)

A breve, saranno invee immessi nel “mercato” libero i campetti di Montesano a Frigintini, il nuovissimo campo di calcio a 8 in erba sintetica di Pedalino, il velodromo di Vittoria e la pista di atletica di Donnalucata.

Le prime due ad andare in “bando” saranno proprio il velodromo di Vittoria e la pista di atletica di Donnalucata.

Per il velodromo, la situazione pare più complesssa semplicemente perchè è stato vandalizzato. Pronto in tutte le sue parti, cittadini/vandali hanno divelto porte, infissi, sanitari. Un danno che, si stima, possa essere vicino agli 80/100.000€, con una cannibalizzazione indegna di paesi civili. Ma in troppi incivili vivono in ambienti civili.

La Provincia comunque metterà in bando questa struttura cercando di far si che l’interesse del privato possa servire ad avviare una gestione ottimale o almeno virtuosa.

Accanto al velodromo, la pista di atletica di Donnalucata, per adesso in gestione provvisoria alla società sportiva “Olimpyc Scicli“.

La struttura, a volerla dire tutta, non è del tutto pronta. La zona degli accessi al pubblico è lasciata “come capita”, manca pure una parte di recinzione interna; le zone adatte alle specialità dell’atletica sono in preda alla vegetazione. Cosa più evidente, manca la copertura di tartan sull’anello in cemento della pista.

Ma sperare e pensare che la provincia possa farlo, è utopistico. Meglio allora cercare di prendere in gestione lo “stato di fatto” e provare a migliorare il possibile.

Proprio a Donnalcuata, esempio, di certo è possibile ricavare altri spazi sportivi che potrebbero essere d’aiuto alla gestione economico/finanziaria. Di certo può venir fuori un campo da tennis, probabilmente anche una bocciofila e magari qualche altra cosa. Gli attuali gestori – i soci della Olimpyc – in questo senso hanno le idee chiare.

Bisogna però vedere chi riuscirà ad avere questa gestione.

Pista atletica Donnalucata. L'area di accesso al pubblico non completata.
Pista atletica Donnalucata. L’area di accesso al pubblico non completata.

I bandi saranno, probabilmente, pronti per fine settimana prossima o nei primi della successiva. Gli uffici stanno verificando gli ultimi parametri di assegnazione.

Parametri che dovrebbero seguire questa logica: io provincia non ti chiedo niente per questa gestione ma tu società sportiva mi devi garantire un congruo livello di investimenti.

In questa logica, risiede anche il periodo di assegnazione ad ogni associazione sportiva, ovvero per quanti anni sarà assegnata.

Perchè secondo quanto abbiamo appreso, la Provincia ipotizza che queste struttura possano valere un “affitto virtuale” di 20.000€/anno. La Provincia, appunto però, non chiede un affitto ed userà un appiglio matematico su “base 20” (gli ingegneri alla provincia non mancano) per assegnare la gestione della struttura per un determinato periodo.

In pratica, se per esempio una società sportiva potesse essere capace di spendere 100.000€, si avrebbe <100/20=5> ovvero la struttura sarebbe assegnata per 5 anni.

La logica non è male, è chiara ed, appunto, matematica.

Il problema è, semplicemente, che forse all’Ente provincia non hanno idea cosa significhi per una società avere a disposizione 20.000€/, anche virtuali, di investimento annuale.

Prima di fare queste formule, forse, avrebbero dovuto parlare con qualche presidente di società, con i dirigenti di associazioni sportive che si trovano ad avere a che fare con problemi per 10€._

.

.

Ti è piaciuto questo articolo?

One Response to "INFRASTRUTTURE – La Provincia cede palestre."

  1. Pingback: INTEMERATO - Espatrio a Modica? |

Leave a Reply

Your email address will not be published.