Il Città di Ragusa perde e stagna nelle retrovie. Ma mister Raciti è soddisfatto: la speranza è l’ultima a morire

bloc 1
Il tecnico Filippo Raciti

MASCALUCIA –Potrà sembrare strano, considerato che abbiamo perso, ma ieri a Mascalucia abbiamo giocato la migliore gara di questa stagione. Grande intensità da parte di tutti i ragazzi a cui faccio i miei complimenti. Certo, se poi non la metti dentro e, soprattutto, se sbagli un rigore, accade che esci sconfitto. Ma non posso rimproverare niente al mio gruppo perché continua ad esprimersi con grande cuore nonostante i problemi con cui si trova costretto a fare i conti”.

E’ un Filippo Raciti stranamente soddisfatto quello che commenta, all’indomani del match con il Catania San Pio X, l’ulteriore battuta d’arresto di un Città di Ragusa che continua ad arrancare nelle retrovie della classifica del girone B del campionato di Eccellenza.

“Ma davvero la squadra – sottolinea Raciti – ha giocato come mai avevo visto fare nel corso di questi mesi. Mi sono piaciuti parecchio. Abbiamo avuto tre-quattro limpide occasioni da goal. Ed è davvero un peccato che la palla non sia finita in fondo al sacco”

Siamo in credito con la dea bendata – continua il mister – e speriamo che le cose, adesso, possano volgere a nostro favore. Abbiamo una settimana di tempo per preparare nella maniera migliore la gara casalinga contro il Giarre con la speranza che possano sistemarsi al meglio tutte le cose che ci impediscono di potere essere tranquilli al cento per cento. Vogliamo continuare a crescere. E ritengo che quella di ieri non sia stata una sconfitta come le altre. Ma ci permette di guardare al prosieguo della stagione con un minimo di fiducia in più”.

Ti è piaciuto questo articolo?

Leave a Reply

Your email address will not be published.