Gli U18 del Triskele Sicilia battono i pari età di Reggio Calabria

bloc 1

Triskele batte nuovamente il Cas Reggio Calabria e conquista la semifinale del campionato di categoria. Adesso per la franchigia siciliana c’è l’ostacolo Fiamma Cibali Catania.

Triskele Sicilia 27 – Cas Reggio Calabria 7

di meno occhipinti*

CATANIA – Si sono giocate ieri le partite di ritorno dei quarti di finale della fase Play Off del campionato di rugby U18. Triskele, la franchigia siciliana nata dall’unione di Nissa, San Gregorio, Audax Ragusa, Padua Ragusa, Amatori Messina, Miraglia Agrigento e Iron Team Palermo, ha incrociato le armi, sul campo di casa, il polivalente di San Giovanni La Punta, con il Cas Reggio Calabria. I triskelini, forti del successo in trasferta (7-a-16) della domenica precedente, hanno affrontato l’incontro con relativa tranquillità, ma vincere non è stato come passeggiare.

Più forti in mischia chiusa, anche perché ai siciliani mancavano i due piloni titolari, Anthony Argintieri e Salvatore Giacchi, assenti per infortunio, i calabresi hanno reso la vita difficile a Triskele, soprattutto nella prima metà del secondo tempo quando, galvanizzati per la meta realizzata, hanno costretto a lungo i triskelini nei propri 22.

Poi, pian piano, è venuta fuori la forza dei tuttoneri e così la vittoria è stata portata a casa. A muovere per primi lo score sono i siciliani, al 10°, con la meta di Miguel Espinosa, che raccoglie un calcetto a seguire dei calabresi e s’invola sulla fascia fino a fermarsi oltre la fatidica linea. Cristobal Villegas trasforma. 7-0.

Sette minuti dopo l’apertura italoargentina allunga con un calcio di punizione e al 25° una giocata veloce dei trequarti triskelini porta Antony Virzì Cittarra in meta. 15-0 e su questo risultato si chiude il primo tempo.

La seconda frazione inizia con la meta, all’8°, del Cas, grazie a un carrettino inarrestabile. (15-7). I calabresi prendono coraggio e costringono per una quindicina di minuti i giocatori di casa nei propri 22. Si tratta però di una predominanza sterile per la grande difesa di Triskele.

Passata la furia ospite, i tuttineri si rimettono in moto e segnano la terza meta con Iulian Lupan, bravo a bucare la difesa reggina. Otto minuti dopo c’è la meta del bonus. La marca Fabrizio Campo, ma il merito va ancora una volta a tutta la linea arretrata triskelina.

Contento per la vittoria il coach dei siciliani, Ninni Bonomo: ‘È stata una partita combattuta. Ce lo aspettavamo. Le assenze, soprattutto in mischia, ci hanno condizionato, ma per fortuna la nostra linea dei trequarti è riuscita a fare la differenza. Adesso aspettiamo l’ufficialità degli abbinamenti per le semifinali, sperando di poter avere tutti gli uomini a disposizione per affrontare queste ulteriori importanti due partite al meglio delle nostre possibilità’.

Domenica prossima si giocheranno le partite di andata di semifinale e per Triskele ci dovrebbe essere l’ostacolo Fiamma Cibali di Catania. L’altra semifinale vedrà invece di fronte l’Amatori Catania e il Logaritmo Messina.

*

Tabellino

Triskele | 15- Salvatore Virzì, 14- Valerio Aquilino, 13- Antony Virzì Citarra, 12- Iulian Marcel Lupan, 11- Miguel Espinoza, 10-Cristobal Villegas, 9-Riccardo Murabito, 8-Bartolomeo Messina, 7- Jody Dante Calì, 6-Sergio Di Mauro, 5- Giuseppe Balsamo, 4-Giulio Panettiere, 3- Salvatore Benfanti, 2- Teseo Vona, 1- Silvio Messina – – Panchina: 16- Anthony Argintieri, 17-Martin Calì, 18-Simone Petralia, 19- Sergio Signorello, 20- Fabrizio Campo, 21-Nicola Bottari | Allenatore: Ninni Bonomo

Partite di Ritorno | 4^ di finale

  • Triskele Sicilia – CAS Reggio Calabria 25 – 07
  • Logaritmo Messina – Padua Ragusa 59 – 12
  • Briganti Librino CT – Amatori Catania 00 – 20 (per rinuncia Briganti Librino CT)
  • Fiamma Cibali CT – Rugby Enna 43 – 12

Si qualificano per le semifinali Triskele Sicilia, Logaritmo Messina, Amatori Catania e Fiamma Cibali CT. Gli incontri si disputeranno il 13/03/2016 e il 03/04/2016

Ti è piaciuto questo articolo?

Leave a Reply

Your email address will not be published.