Filosofia ‘Ciavorella’ per il 2016/2017

I ragazzi della Ciavorella... in campus
I ragazzi della Ciavorella… in campus

SCICLI – Filosofia Ciavorella, con educazione motoria, sviluppo del corpo, gioco, svago, agonismo ed etica sociale sono i cardini che la Ciavorella, società di basket tra le più storiche della Sicilia, propone per la prossima stagione sportiva.

Sono queste le linee programmatiche indicate dalla Ciavorella in un proprio documento, intorno a cui definire ‘i programmi didattico-formativi e la sua azione pratica mirata a sollecitare l’azione motoria e a sviluppare i saperi tecnici e morali dei propri atleti ma anche a sollecitare un impegno più collaborativo dei giovani atleti verso la collaborazione tecnica e la direzione di gara. L’organizzazione di eventi di tipo relazionale come i Memorial, il Campus Estivo Sport Vacanze, i tornei interni, i raduni ed i quadrangolari completeranno il quadro programmatico e formativo‘.

Il CAS della Ciavorella

Su questi temi e su questi principi la Ciavorella ed il suo staff tecnico si propongono alle famiglie il Centro di Avviamento alla pratica Sportiva (C.A.S.) regolarmente autorizzata dal CONI, con l’attività federale e con l’intenso lavoro di palestra.

L’attività motoria di base viene realizzata dalla Ciavorella specifica la società – a partire dall’età della fanciullezza del giovane e cioè dai cinque anni per poi proseguire con l’adolescenza con l’insegnamento della tecnica della pallacanestro. Il fondamento educativo su cui la società si propone è di creare una cultura sportiva mirata a rafforzare nei giovani il valore dell’impegno e del sacrificio, a privilegiare l’incontro con gli altri abituandoli ad agire con correttezza e nel rispetto dell’avversario. Ma anche ad abituare il giovane ad utilizzare il proprio tempo libero con equilibrio e soprattutto con gioia e con senso di positività evitando il senso dell’individualità e della solitudine.

Altro punto fondamentale è di abituare – continua ancora la società – il giovane a praticare lo sport serenamente e con gioia, evitando il senso traumatico della sconfitta o viceversa il convincimento di essere un campione in caso di vittoria, dandogli consapevolezza di aver giocato al meglio la partita con lealtà e soprattutto con il rispetto dell’avversario, infondendogli il rispetto delle regole sapendo che c’è un limite a tutto così nello sport come nella vita’.

Colloquio con i genitori

Di tutto questo – specificano i dirigenti della società – il genitore deve farne tesoro nella scelta dell’associazione sportiva dove iscrivere il proprio figlio.  E la Ciavorella di questi principi ed idee ne ha fatto tesoro puntando, nei suoi programmi formativi, sulla qualità professionale del proprio staff tecnico che risulta formato da laureati in Scienze Motorie,  allenatori Nazionali di Basket e istruttori regionali di Minibasket, tecnici di Taping Kinesiologico applicato alla traumatologia sportiva e sulla qualità educativa delle iniziative relazionali come memorial, tornei, campionati, raduni di minibasket, gemellaggi, campus estivo sport vacanze, che si propone di realizzare nel corso della stagione sportiva‘.

Ti è piaciuto questo articolo?

Leave a Reply

Your email address will not be published.