CALCIO/OFF – La Giornata dei Numero 1 a Donnalucata.

bloc 1

DONNALUCATA – E’ andato a Yuri Lutri, dell’Atletico Scicli che milita in 1^ categoria, il premio come miglior portiere alla fine delle “prove” stabilite per la 1^ Giornata dei Numeri UNO, organizzata da questo magazine in collaborazione con il centro sportivo “Olimpyc” di Donnalucata.

.

goalkeeper_square

.

Al secondo posto, Claudio Abbate, portiere del Donnalucata di 3^ categoria; terzo posto per Bartolo Bruni, il più giovane e portiere del Per Scicli di 2^ categoria; 4^ posto per Alessandro Alecci dello Scicli 2013 di 2^ categoria.

La classifica è stata stilata secondo due parametri che hanno preso da un lato in considerazione il minori numero di gol subiti durante le prove previste, mentre dall’altro il giudizio su una serie di parametri quali l’abilità acrobatica, la sicurezza nella gestione della palla, la prontezza nell’azione e la plasticità dei “tuffi”.

La giuria, che ha votato compatta ed unanime per la classifica, è stata composta da Danila Tringali (presidente del Non Solo Bike MTB, Pozzallo), Sergio Cassisi (presidente del Csen provinciale), Giovanni Favacchio (associazione centro sportivo Olimpyc), Vincenzo Portelli (consulente sportivo di marketing e gestione calciatori, responsabile italiano dell’agenzia internazionale Proneo Sports con sedi in Spagna, Argentina, Kuwait ed Italia) mentre la gestione in campo delle regole arbitrali e verifica dei risultati è stata affidata a Rodolfo e Peppe Spitale, ambedue arbitri amatoriali di lunga esperienza.

Pur se con un freddo pungente, con un fastidioso vento di maestrale e con l’assenza di molte società che fino al giorno prima avevano assicurato la presenza “certa”, interessante è stata ritenuta dai presenti la formula elaborata dal nostro magazine che ha permesso di dare luce, forma e sostanza del ruolo di portiere.

.

1-DSC_0257_wmk

.

A mettere sotto “esame” i portieri, Mattia Spitale, tiratore dell’Atletico Scicli, Claudio Vindigni dello Scicli 2013 e Enrico Migliorino del Per Scicli.

Diversi i tiri a cui sono stati sottoposti i goalkeeper, a rotazione, per verificare sia l’aspetto più tecnico che quello del “quid” da portiere che, dice chi se ne intende “o lo hai o non te lo puoi inventare“.

Dai tiri rigore dai regolamentari 11 metri, si è passati a un tiro/punizione da 18 metri, per andare poi all’americano “shoot out“, tradotto in italiano in un meno attraente “rigore in movimento” in cui il giocatore parte da una distanza di 35metri  arrivando in area nel tentativo di smarcare il portiere che, a sua volta, deve intercettarlo fermando la palla ma non facendo fallo che, in quel caso, sarebbe stato un rigore.

Altro test il rilancio di piede, con la misurazione della distanza coperta al primo rimaballo per finire poi con un paio test di reattività con il portiere di spalle pronto a girarsi al fischio dell’aritro, stesso momento in cui il tiratore spediva la palla in porta e poi una sequenza di 3 tiri dalla lunetta al limite dell’area, a brevissima distanza l’uno dall’altro.

Insomma, tutto quanto deve essere nel bagaglio tecnico e mentale di un portiere che ha la responsabilità, anche, di non perdere il sangue freddo quando vede un avversario corrergli incontro solo o non deve perdersi mentalmente quando vede arrivare un pallone in piena area, affollata di teste non tutte di suoi compagni.

La giornata è, quindi, sostanzialmente riuscita ed ha raggiunto lo scopo di innovare nella comunicazione e mettere in evidenza sport e ruoli che non sempre vengono considerati dagli altri media – dice in redazione Maurizio La Micela, editor di Sport Ibleo – e la consideriamo questa un numero zero a cui far seguire un numero uno già prossimamente. Probabilmente già a Giugno, quando il freddo sarà passato e i campionati finiti. Rimarrà da lottare solo con le ore piccole dei giocatori ma con un po’ di fortuna ci riusciremo. In ogni caso, ci sono già idee interessanti che sono state suggerite“.

.

Quando si dice: "Gli ha tirato un missile". Per lo strano effetto del gesso che vola, sembra proprio che qui Mattia Spitale abbia sparato un missile contro Claudio Abbate, che comunque ha indovinato il lato.
Quando si dice: “Gli ha tirato un missile”. Per lo strano effetto del gesso che vola, sembra proprio che qui Mattia Spitale abbia sparato un missile contro Claudio Abbate, che comunque ha indovinato il lato.

.

Per concludere e lasciare spazio al fotoracconto e, prossimamente, al video, oltre a tutti i già citati, un ringraziamento particolare va da parte di tutta la redazione a Sandro Trovato della Ottica Trovato di Donnalucata per avere messo a disposizione i premi; a Daniele Russino proprietario del network di abbigliamento Maresport per il sostegno; a Peppe Arrabito (presidente Altetico Scicli), Ignazio Salemi e Maurizio Manenti (presidente e vice presidente del Per Scicli Calcio), Rossella Fede e Bartolo Venticinque (presidente e dirigente dello Scicli 2013), Memmo “D” Ficili (mister del Donnalucata Calcio), Enrico Parisi Assenza (presidente dello Scicli Sport Club), Domenico Coria (redazione Sport Ibleo)


FotoStory su Google+


Ti è piaciuto questo articolo?

One Response to "CALCIO/OFF – La Giornata dei Numero 1 a Donnalucata."

  1. Pingback: CALCIO/3 CTG - Marina di Ragusa batte Donnalucata. -

Leave a Reply

Your email address will not be published.