CALCIO/3ctg – Il New Scicli vince sull’Orsa Ragusa.

bloc 1

Per un pelino il New Scicli è riuscito a vincere contro l’OrSa Ragusa. Ben cinque gol in una partita cominciata a rilento.

New Scicli 3 – Or.Sa Ragusa 2

.

New Scicli nella formazione 2013-2014
New Scicli nella formazione 2013-2014  (clicca per ingrandire)

.

MARINA DI RAGUSA (Ragusa) – Forse altri 5 minuti di gioco avrebbero portato al pareggio tra New Scicli e OrSa Ragusa. Ma il “forse” nello sport specialmente, non fa partita, anche se i ragusani contestano un rigore agli ultimissi minuti non assegnato dal signor Frazzetto di Ragusa.

Di certo la partita è cominciata con un ritmo come minimo “blando”, con una strana tattica per cui tutti i giocatori si trovavano ad inseguire la palla come spesso fanno i “pulcini” nei loro concentramenti, dimenticando ruoli e posizioni che certamente in allenamento vengono provati ed evidenziati.

Forse era necessario rimettere in modo i “neuroni calcistici” dopo la pausa festiva.

Il New Scicli ha attaccato e giocato meglio nel primo tempo con un centro campo ed un attacco meglio disposto della difesa a fronte di una OrSa piuttosto impacciata e incapace di andare in profondità e convinzione verso la porta avversaria.

.

2.1-2014
Vincenzo Lorefice, autore del primo e del terzo gol

.

Il primo gol al 13° è stato di Vincenzo Lorefice – perfettamente mobile in campo e velocissimo (grazie anche al trascorso in atletica leggera)  – che con un’azione personale è scattato dal centro campo arrivando nei pressi della porta difesa da Damiano Scannavino che poco ha potuto fare su un tiro angolatissimo (1-a-0)

Poco dopo, ottima punizione tirata da Ezio Manenti, specialista della materia, che però disegna bene il tracciato non dando la giusta potenza così da permettere al portiere di respindere sopra la traversa.

E’ un momento in cui l’OrSa annaspa con lo Scicli che è più mobile, specie nelle fascie e riesce a costruire azioni pericolose appoggiandosi sul duo “Vincenzo & Vincenzo” (Lorefice e Carbone)

 Nel primo tempo un gesto sportivo della OrSa che rilancia nel campo dello Scicli una palla stupidamente persa dalla squadra sciclitana perchè i suoi giocatori, invece di giocare e fermarsi all’eventuale fischio arbitrale, pensavo di autogestirsi per cui su una supposta (da loro) punizione a favore, si sono fermati facendo scivolare fuori il pallone. Recuperato dal fallo laterale, i ragazzi dell’OrSa lo hanno rilanciato nella metà campo avversaria. Al limite non c’era bisogno perchè gli sciclitani lo avevano perso fessamente. Ma il gesto è di quelli che si apprezzano.

Quasi alla fine del primo tempo, Enzio Manenti molto solo davanti al portiere, aggancia una palla arrivatagli da un calcio di punizione ma spara forte ma alto.

La formazione dell'OrSa (Oratorio Salesiano)
La formazione dell’OrSa (Oratorio Salesiano) – clicca per ingrandire

.

Secondo tempo – L’immediato avvio è una doccia fredda per i ragusani perchè, neanche il tempo di mettere la palla a centro che  la barba a pizzetto di Vincenzo Carbone spunta tra due avversari, ruba palla su un inguacchio difensivo Orsa e mette a rete. (2-a-0)

Però i ragazzi allenati da mr Parisi Assenza, nel secondo tempo sono più presenti a se stessi: forse qualche “cazziata” deve essere volata negli spogliatoi. E così i ragazzi dell’Or.Sa, se non proprio “grizzly”, tornano in campo più coscienti di dover disputare una partita e non fare una passeggiata per smaltire “pastizzi” e pranzi di Natale.

Cominciano così anche i tiri in porta. Al 20° Alessio Bosco fa partire una bordata che però passa alta sopra la traversa.

Può essere che sta storia del “gol-mancato-gol-subito” sia una favola, fatto sta che neanche un minuto dopo, Vicenzo Lorefice segna il 3-a-0 raccogliendo un passaggio dalla 3/4 campo e mettendo a pallonetto in porta.

La partita sembra chiusissima. Ed invece la grinta dei ragusani esce fuori mettendo sotto seria pressione gli sciclitani che stentano a contenere il “voltafaccia“.

.

Un contropiede dell'OrSa
Un contropiede dell’OrSa

.

Al 39° è il capitano, Fabio Licitra che raccoglie un rimpallo in area e trapassa Andrea Pellegrino (3-a-1). Pochi minuti, ancora attacco dell’Orsa che riesce a mettere dentro conquistando uno speranzoso 3-a-2.

Sul fischio finale dell’arbitro Frazzetto, che ha diretto lasciando molto gioco senza eccessive interruzioni su una partita comunque molto tranquilla, l’OrSa ha reclamato un calcio di rigore non assengato che, ovviamente, avrebbe cambiato le sorti del punteggio finale.

.

Spettatori pochi ma belli.
Spettatori pochi ma belli.

.

Le altre partite (pianetacategoria)

Azzurra Modica 0 – 3 Pedagaggi Siracusa V. Barone – Modica
02/01 15:00 Junior Vittoria 2 – 1 Primavera Acatese
02/01 15:00 Licodiense 0 – 3 Scicli 2013
02/01 15:00 New Scicli 3 – 2 Or.Sa. Ragusa
02/01 15:00 Real Portopalo 0 – 1 Città Di Niscemi
02/01 15:00 Sportispica 2 – 0 Vittoria Calcetto

.

Classifica (pianetacategoria)

SQUADRA PUNTI DISPUTATE VINTE PAREGGIATE PERSE GOL FATTI GOL SUBITI DIFF. RETI PENALIZZ.
SCICLI 2013*^ 9 3 3 0 0 9 1 8
SPORTISPICA* 12 4 4 0 0 6 1 5
VILLASMUNDO*^ 9 3 3 0 0 9 2 7
JUNIOR VITTORIA^ 9 4 3 0 1 9 4 5
PRIMAVERA ACATESE 9 5 3 0 2 7 4 3
CITTA’ DI NISCEMI 7 5 2 1 2 6 4 2
VITTORIA CALCETTO 7 5 2 1 2 5 4 1
NEW SCICLI* 5 4 1 2 1 5 6 -1
PEDAGAGGI 4 5 1 1 3 5 10 -5
OR.SA. RAGUSA^ 3 4 1 0 3 9 12 -3
LICODIENSE^ 3 4 1 0 3 3 8 -5
REAL PORTOPALO 3 5 1 0 4 4 12 -8
AZZURRA MODICA 1 5 0 1 4 3 11 -8
*una gara in meno
^ha riposato

La querelle della “quenelle”

Chi ha seguito qualche giornale, ha potuto vedere che in Francia è scoppiato un casino per un saluto fatto da Anelka, giocatore in forza al West Bromwich Albion, qualche giorno fa per festeggiare i suoi gol. Anelka, che si è convertito all’Islam e si fa chiamare adesso Abdul-Salam Bilal, ha fatto quello che in Francia si chiama “quenelle”, ovvero portare la mano destra all’altezza della spalla e stendere la mano sinistra.

Secondo centri centri ebraici, questo gesto sarebbe da incriminare in quanto “nazista”. Da ciò è nato un patatrac quasi mondiale, come ovvio quando di mezzo ci stanno queste cose. In Francia, addirittura, vogliono mettere fuori legge il gesto in quanto tale.

Il gesto è diventato una “moda”, forse stupidamente infiammato da polemiche che ne hanno aumentato il senso e la fama. Pare che in Francia sia stato usato uno delle prime volte da un comico transalpino, Dieudonné, che lo usò come manifesto promozionale di una sua candidatura alle Europee 2009.

Ed in Italia? Noi non dovremmo avere di queste turbe (in effetti ci bastano le nostre italiche). E comunque, sicilianamente parlando, un gesto del genere, significa, più o meno “io ce l’ho così lungo”. Senza riferimenti politici se non al proprio membro e, comunque neanche questo, di partito.

.

La "quenelle" come la fa vedere Vincenzo Carbone. In effetti, per noi lontani da quelle polemiche, signfica, ne più ne meno.. "ci lagghiu tantu" :)
La “quenelle” come la fa vedere Vincenzo Carbone. In effetti, per noi lontani da quelle polemiche, signfica, ne più ne meno.. “ci lagghiu tantu” 🙂

.

.

Ti è piaciuto questo articolo?

Leave a Reply

Your email address will not be published.