CALCIO – Ragusa Calcio senza presidente. Simone Mazzone molla.

bloc 1

RAGUSA – Che lo sport, il calcio in particolare, sia un hobby costoso, è ormai evidente. Solo per restare nella nostra provincia, in crisi sono entrati il Comiso, il Vittoria, il Modica e Ragusa. Che oggi ha fatto il bis.

.

Simone Mazzone
Simone Mazzone

.

Sono infatti state comunicate le dimissioni di Simone Mazzone, che era arrivato a “fare” il presidente del Ragusa Calcio non più di 6 mesi fa, armato da tanta buona volontà e forse da qualche promessa oggi rivelatasi intangibile.

Simone Mazzone, che lavora nell’ambito dell’ditoria, ovviamente non fa cenno a problemi interni.

Ufficialmente sono – come scrive nella sua lettera – “Gli impegni di natura professionale sempre più spesso mi portano lontano dal campo, dalle partite e dalla vita quotidiana che una società sportiva vive. Chi mi conosce sa perfettamente che sia come indole che come metodo di lavoro, io amo vivere dall´interno ciascun progetto che porto avanti. E´ ciò che faccio nella mia attività professionale ed è la strada che avevo tracciato anche all´interno dell´USD Ragusa. Ma sempre più, mi sono reso conto che gli uni e gli altri impegni non sempre possono essere ben gestiti, con il rischio di essere deficitario. Ecco perché, con mio grande rammarico, ho deciso di rassegnare le dimissioni da Presidente. La classifica ha potuto dare una risposta ai tanti sforzi profusi dalla squadra, da mister Utro, dal direttore sportivo Cesare Sorbo, dal vicepresidente Ettore Tuccitto, dal grande Gaetano Gambina e da tutti coloro che sin dalla prima ora hanno creduto nella rinascita del calcio nel comune capoluogo e sono stati accanto a me, dispensando importanti consigli”.

E ADESSO?

Secondo le informazioni tratte da una intervista a La Sicilia, a poter rilevare il Ragusa potrebbe essere il patron dell’Atletico Catania, Franco Proto, anche lui con ambiziosi progetti di alta qualità del calcio ragusano fino a farlo diventare, il Ragusa Calcio, una squadra d’elite della Sicilia sud orientale

Ti è piaciuto questo articolo?

Leave a Reply

Your email address will not be published.