CALCIO – Morto a Modica “zu” Pietro Scollo. Su un campo di calcio.

bloc 1

E’ morto Pietro Scollo, a 93 anni e su un campo di calcio. Era l’icona del calcio modicano. Le condoglianze anche del sindaco della città.

Il presidente del Modica Calcio Cundari, il sindaco Buscema, Pietro Scollo e Tatò Cavallino.

MODICA – E’ proprio un pezzo di calcio modicano che va via. A 93 anni, il massaggiatore per eccellenza del Modica Calcio ha lasciato questo mondo per andare, per chi ci crede, nei prati celesti. Magari li potrà vedere il Caitina con l’erbetta.

Il lutto ha colpito davvero tutta la città e non solo il mondo sportivo. Il sindaco di Modica ha detto che è “una grave perdita non solo per la storia del calcio del Modica ma per l’intera città. Pietro Scollo è stato un punto di riferimento per generazioni di giovani che si sono avvicinati al calcio e che hanno avuto in lui un riferimento solido e sicuro, oltre che amicizia e rispetto. Con lui se ne va un esempio di rettitudine, di passione per il calcio, di simpatia e di attaccamento ai colori rossoblù, quelli della sua Città. Una figura che passa alla storia della nostra comunità per popolarità, per stima e per affetto che sapeva offrire con allegria e ottimismo. Modica perde, con Pietro Scollo, un pezzo della sua memoria e il calcio locale un’icona che sarà impossibile ripensare per il futuro. La città saprà essergli grata perpetuandone la memoria attraverso l’intitolazione di un luogo simbolo”

Sindaco e amministrazione rivolgono le più sentite condoglianze ai figli, Giancarlo, Gabriella, Maurizio ed Elio e ai nipoti.

Riportiamo un pensiero di Claudio Abbate, pr del Modica Calcio: “Oggi, come sempre di buon mattino lo “Zio Pietro” ha seguito il Modica il “suo” Modica che giocava in anticipo sul difficile campo del Misterbianco. Una trasferta come tante altre che appena arrivati allo stadio si è trasformata nell’ultima trasferta dello Zio Pietro. Le solite raccomandazioni ai suoi atleti poi i soliti amici “avversari” (anche se effettivamente Zio Pietro non aveva avversari) che vanno a salutarlo e a stringerli la mano è poi “il buio” la corsa frenetica di tutti il pianto di chi ha capito subito che “Zio Pietro” stava preparando il viaggio verso il Paradiso dove troverà il campo di calcio che più gli compete. La notizia arriva subito nella sua amata Modica. Una città che è rimasta sgomenta e nello stesso tempo incredula. La “famiglia”Modica calcio ha perso il suo “faro”, colui che ha fatto nascere il Modica calcio e che nel corso degli anni ha trasmesso il suo amore per il calcio ma soprattutto per il Modica a tre generazioni. La famiglia rossoblu non ha parole per descrivere il dolore che prova, ma nello stesso tempo si stringe alla famiglia di Zio Pietro colui che per tutti è stato “un grande uomo” e un grande esempio. Ciao Zio Pietro”.

Il comune di Modica ha deciso di allestire una camera ardente nella sala consiliare del palazzo comunale. La salma dovrebbe arrivare domani (domenica 3) alle ore 11:00 circa.

Ti è piaciuto questo articolo?

Leave a Reply

Your email address will not be published.