CALCIO – Il tuo campo è regolare?

La Lega sta procedendo alla revisione delle omologazioni dei campi da gioco. Ovvero la verifica di misure e dotazione dei campi di calcio. Il tuo campo, è regolare?

Misure omologabili campo di calcio
Misure omologabili campo di calcio

PALERMO – La Lega Calcio e la Figc, hanno attivato un programma di revisione delle omologazioni dei campi la cui ultima idoneità sia stata rilasciata a seguito di sopralluogo effettuato anteriormente alla data del 1° gennaio 2010.

Le società affiliate interessate sono state invitate a prestare la massima collaborazione ai Fiduciari Provinciali Campi, ovvero coloro che devono provvedere alle verifiche, provvedendo, in tempo utile e nei giorni fissati per i sopralluoghi di rito, alla segnatura del rettangolo di giuoco.

In particolare, la federazione tiene a che sia prestata attenzione:

• alla misura minima del campo per destinazione (ml. 1,50 per i campi in terra battuta per il C11; ml. 2,50 nelle linee laterali e ml. 3,50 nelle linee di fondo per i campi in erba artificiale; ml. 1,00 per i campi di C5);

• all’altezza libera della recinzione interna di ml. 2,20 (altezza minima) al netto dell’eventuale cordolo di supporto;

• alla recinzione priva di squarci e/o aperture in genere;

• alle esatte misure delle porte (ml. 7,32 x ml 2,44 per il C11 e ml. 3,00 x ml. 2,00 per il C5) per le quali non è prevista alcuna tolleranza;

• alla planarità e della conformità alle norme federali della superficie del rettangolo di giuoco;

• alla piena funzionalità delle docce e delle apparecchiature sanitarie negli spogliatoi associata ai requisiti di assoluta igienicità degli stessi (pareti e pavimenti puliti e privi di muffe in genere );

• alle zone destinate ai giocatori locali ed a quelli ospiti, all’interno degli spogliatoi;

• alla separazione delle aree destinate al pubblico da quelle circostanti l’area spogliatoi.

La Lega fa rilevare che i requisiti di cui sopra sono essenziali per il rilascio ex novo o per la riconferma dell’attestato di omologazione.

Il non possesso di uno dei predetti requisiti (in particolare area per destinazione) potrebbe costituire motivo ostativo per il rilascio dell’attestato di idoneità ai fini federali dell’impianto e di conseguenza la non utilizzazione dello stesso per le gare ufficiali.

Però, come sempre, saranno rilasciate un bel po’ di “deroghe” perchè – altrimenti – un buon 50% di campi da gioco o forse più, potrebbero chiudere.

Ti è piaciuto questo articolo?

Leave a Reply

Your email address will not be published.