BASKET/C – Il Basket Mazara sbanca il Palapadua.

bloc 1

Fatale ai virtussini il disastroso terzo periodo. Mercoledì 24 gara 2: serve l’impresa sul parquet mazarese per agguantare la “bella”.

Andrea Sorrentino al tiro marcato da Pezzarossa

Nova Virtus Ragusa 71 – Basket Mazara 76
(parziali 21-15; 40-29; 45-48)

testo di giorgio antonelli* | foto eleonora tumino*

RAGUSA –  Tracollo Nova Virtus in gara 1 e Basket Mazara ad un passo dalla qualificazione alle semifinali play-off. I “canarini” si giocheranno il match-ball sul parquet amico mercoledì prossimo. Alla Nova Virtus servirà l’impresa, per evitare l’eliminazione e giocarsi tutto domenica prossima nella “bella” che si giocherebbe nuovamente al PalaPadua.

Il match si apre sotto i migliori auspici per i virtussini che recuperano Andrea Sorrentino e persino Matteo Distefano. Ed anche sul campo è “festa” perché la Nova Virtus dopo un effimero vantaggio ospite (2-6 al 2’), ingrana la quarta e, con le triple di Licitra, Andrea ed Ale Sorrentino, piazza un mortifero 12-0 (14-6 al 6’) che fa barcollare Mazara.

Warwick e Jovic, però, reagiscono da par loro e Lottatori ricuce ancora sul gong, mentre i ragusani cominciano già a gravarsi di falli (21-15 al 10’). Non cambia lo spartito nel secondo periodo, con Ragusa che difende benissimo (ed i “canarini” che sbagliano tanto dalla linea della carità) mentre i virtussini sembrano poter prendere il voto, ancora magistralmente guidati da capitano Ale Sorrentino. I locali raggiungono l’apice (40-27 al 20’) e si mordono le mani per i troppi errori sotto le plance, mentre Warwick tiene a galla gli ospiti (40-29 al riposo lungo).

La musica cambia in toto alla ripresa. Mazara parte a razzo, piazzando un micidiale 0-12 che scalfisce le certezze virtussine, mentre arriva il quarto fallo sia per Mammana che per Matteo Distefano.

Ragusa è in bambola, Jovic griffa il sorpasso (40-41 al 24’) e Raselli marca il più 3. Solo Ale Sorrentino riesce a scuotere i suoi compagni, ma la sua bomba e i due liberi di Licitra fanno in totale la miseria di 5 punti nell’intero tempino.

Insomma, un disastro che consente a Mazara di ribaltare l’inerzia della contesa (malgrado il quarto fallo di Warwick presto emulato da Licitra).

Al 30’ il tabellone segna 45-48, ma il calvario virtussino non è ancora finito, perché l’ultima frazione si apre con un altro terrificante break di 0-9 che fa volare Mazara sul più 12 (45-57 al 32’).

L’attacco ragusano è assolutamente monocorde e le padellate virtussine si reiterano. A caricarsi la squadra sul groppone sono i due Sorrentino che dopo un lungo digiuno ritrovano la via del cesto.

Lemme lemme la Nova Virtus risale la china e due bombe del capitano rimettono il match in totale equilibrio a 90 secondi dalla sirena (70-70). Ma al capitano di casa risponde quello ospite: Leandro Lottatori, letteralmente invasato, piazza la tripla mozza gambe e taglia l’ossigeno a quelli di casa che non ritrovano più la via del canestro se non con un tiro libero di Iabichella. Mazara vince e mercoledì tra le mura amiche può chiudere i conti._

.

Nova Virtus: Sorrentino Andrea 17, Iabichella 7, Licitra 10, Pellegrino, Girgenti ne, Sorrentino Alessandro 26, Distefano Enrico 5, Mammana 2, Ferlito 2, Pace ne, Mormino, Distefano Matteo 2. All. Di Gregorio.

Mazara: Bono ne, Raselli 7, Leone 2, Pezzarossa 9, Jovic 17, Warwick 21, Anteri ne, Lottatori 20, Miceli ne. All. Bonanno

ARBITRI: Carlo Di Giorgi e Silvia Noto di Palermo.

NOTE –  Spettatori: oltre 1000. Usciti per falli Waiwick, Licitra. Mammana, Distefano Matteo, Sorrentino Alessandro.

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Leave a Reply

Your email address will not be published.