BASKET/A – Molino gli ha fatto spuntare le ali (quasi).

bloc 1

Travolgente Passalacqua che regala un Natale amaro alle giovani di coach Santino Coppa del Priolo. Campionesse d’inverno indubbie, le “Passaquiline” mettono fuori le ali che stenderanno il giorno della vittoria finale.

Passalacqua 71 – Trogylos Priolo 42

.

Virginia Galbiati in attacco
Virginia Galbiati in attacco

.

RAGUSA – Che si può dire di una gara che finisce 71-a-42? Forse solo che nel primo tempino (i primi 10′), il Trogylos Priolo sembrava essere meno di burro, come poi è stata. Il primo tempino è finito 15-a-13 con il Priolo che era partito a tutta birra.

Ma ‘sta birra si è sgasata quasi subito lasciando campo alle bianco/verdi che hanno surclassato la Trogylos in maniera evidente, lasciando la squadra di Priolo in quella profonda crisi di individualità che di tattica che ha dimostrato.

Peraltro, la situazione societaria del Priolo è complicata, tanto che a fine gara  coach Coppa ha dichiarato di sperare di salvare non solo il campionato ma anche la società. Una situazione strana che si vedeva anche dalla bizzarra fascia bianca, incollata alla meglio, che sulle maglie copriva uno sponsor che evidentemente si è ritirato.

.

La striscia bianca che copre un probabile sponsor che si deve essere ritirato tanto velocemente da non permettere di cambiare le maglie. Qui indossata dalla nr 15 Aleksandra Delcheva
La striscia bianca che copre un probabile sponsor che si deve essere ritirato tanto velocemente da non permettere di cambiare le maglie. Qui indossata dalla nr 15 Aleksandra Delcheva

.

Lo scout di fine partita, ovvero il referto statistico, ha visto il primo tempino finire 15-a-13, il secondo 24-a-10, il terzo 26-a-4 ed il quarto 6-a-15, segno di una progressione geometrica di Passalacqua, scemata al quarto tempino per avere, coach Molino, fatto entrare in campo anche le più giovani, come Saggese e Sorrentino.

22-12-2013
Alice Richter al tiro

.

Usando questo scout per verificare i punti deboli – anche in vista del ritorno quando le altre squadre andranno in “basket/mercato” per rafforzarsi e contrastare Passalacqua e Schio – la squadra iblea dovrebbe aumentare la percentuale di tiri da 2 che in questa partita sono stati 39% (Priolo 26%) mentre nei tiri da 3 le cecchine bianco/verdi sono arrivate al 34% (Priolo 32%) con il titolo di “miss cecchina” che va alla bionda-occhi-azzurri Milica Micovic (50% per lei, 3-su-6) e Lia Valerio (50% con 2-su-4).

Molto meglio la situazione dei tiri liberi, dove le ragazze di Molino si sentono tranquille dalla lunetta riuscendo a far segnare l’85% dei tiri assegnati (Priolo 60% oggi) con Olesia Maleskenko che ha fatto 3-su-3 oggi. Olesia che tra l’altro, nella partita contro il Priolo, prende anche il titolo di miglior segnatrice con 15 punti, seguita dalla Walker con 13 punti.

Olesia Malaskenko al tiro libero. Suo il record di tiri liberi (3/3) e tiri totali con 6/12
Olesia Malaskenko al tiro libero. Suo il record di tiri liberi (3/3) e tiri totali con 6/12

.

 Così, in un PalaMinardi pienissimo – più di 1.500 persone – a dimostrazione che il basket è lo sport più seguito oggi in provincia e vera festa di famiglie che lasciano i bimbi liberi durante le pause per una festa sportiva vera ogni domenica, il punteggio finale di 72-a-42 ha dimostrato che la Passalacqua c’è, ha la concentrazione giusta per non perdere di vista il resto del campionato che, anche coach Molino lo sa, sarà più duro per i certi nuovi acquisti che faranno le concorrenti.

Tutte le squadre si rafforzeranno – ha infatti confermato coach Molino – noi invece non tessereremo nessuno, anche perché potremmo tesserare solo comunitarie, ma non lo faremo. Abbiamo perso a Schio e molti mi hanno chiesto come mai abbiamo perso mentre mi sarebbe piaciuto che qualcuno che mi avesse chiesto come mai abbiamo gli stessi punti di Schio, visto che nessuna nella storia del basket femminile, dopo un campionato di A2 ha fatto quello che abbiamo fatto al termine del girone di andata”.

Milica Micovic al tiro. Suo il record dei tiri da 3 con 3-su-6
Milica Micovic al tiro. Suo il record dei tiri da 3 con 3-su-6

.

Difficile invece fermare le giovani aquilotte che, subito dopo la partita, si sono in fretta docciate e vestite per prendere chi aereo, chi auto, chi altro per andare a trovare le loro famiglie nelle città d’origine.

Il presidente Gianstefano ha dato loro un paio di giorni di “libera uscita” ma devono essere in campo per il 28 dicembre, con il panettone in bocca, per riprendere gli allenamenti. E per partecipare alla cena sociale che festeggierà il 2013 di grandi luci per la Virtus Eirene Passalacqua Basket.

In classifica, la Passalacqua è a 20 punti con lo Schio che la supera per via dello scontro diretto perso. Scontro la cui replica è per il 22 gennaio a Ragusa. Dove si conta di avere migliaia di tifosi per far vincere .. noi.

.

Ti è piaciuto questo articolo?

Leave a Reply

Your email address will not be published.