BASKET/A – Gianstefano a canestro: Final Four a Ragusa.

bloc 1

Cuore a Cagliari. Ma testa al big match contro lo Schio nel recupero di mercoledi 22 prossimo. Le due migliori squadre d’Italia, in campo a Ragusa. Che poi penserà anche ad organizzare le Final Four Coppa Italia.

.

L'assistant coach Maurizio Ferrara
L’assistant coach Maurizio Ferrara

.

RAGUSA – Se qualcuno ha voglia di farsi un viaggio in Sardegna con destinazione specifica Cagliari, domani potrebbe anche andarsi a vedere il “dery delle Isole” tra Passalacqua e Cus Cagliari.

Se invece la poltrona attira di più, sempre domani col telecomando, dalle 17:30 e sul canale 832 di Sky ci sarà sempre la Passalacqua spedizioni sul parquet di Cagliari.

Cagliari – conferma l’assistant coach Maurizio Ferraraè stata davvero una delle squadre che più ci ha impegnato nel corso della prima parte del campionato ed una formazione che ha sempre dimostrato di potersela giocare con chiunque, dunque dovremo giocare una partita di grandissima attenzione dato che non sarà per nulla facile”.

La Passalacqua farà rientro nella giornata di lunedì ed avrà dunque pochissimo tempo per preparare il big-match del Palaminardi di mercoledì 22 gennaio ore 20,30 con Schio, diversamente dalle campionesse d’Italia che invece giocheranno questa sera a Venezia e che dunque avranno un giorno in più.

Battere Cagliari, diventa fondamentale per iniziare con il piede giusto il trittico di impegni che culmineranno, domenica prossima, con la trasferta di La Spezia.

Continua intanto la prevendita dei tagliandi per mercoledì prossimo. I biglietti possono essere acquistati al bar Savini o al Caffè Italia di piazza San Giovanni.

Le “Ragusa Final Four” – Intanto, piena soddisfazione per l’assegnazione delle Final Four Coppa Italia A1 in programma il 15 e 16 febbraio. La Coppa Italia torna così a celebrare il suo ultimo atto in Sicilia 14 anni dopo l’edizione di Messina del 1999.

Ragusa, grazie soprattutto all’impegno della famiglia Passalacqua, sta raccogliendo i frutti di un progetto di crescita partito ancora prima della serie A2, proseguito con la promozione in A1 conquistata perdendo una sola partita nell’intero anno solare 2013 e culminato, quest’anno, con le 9 vittorie consecutive iniziali e, soprattutto, con un’affluenza sugli spalti del PalaMinardi di oltre 1.500 spettatori a partita.

.

Gianstefano Passalacqua dimostra un certo stile nel tiro. E sta dimostrando di saperci fare anche come dirigente di una impegnativa (e pensiamo anche costosa) squadra di A1 [clicca per ingrandire]
Gianstefano Passalacqua dimostra un certo stile nel tiro. E sta dimostrando di saperci fare anche come dirigente di una impegnativa (e pensiamo anche costosa) squadra di A1 [clicca per ingrandire]

.

Siamo davvero onorati e felici – dice il presidente Gianstefano Passalacqua – di potere ospitare una manifestazione così importante che per la prima volta a Ragusa, vede protagonista proprio una squadra ragusana. In queste settimane ci abbiamo sempre creduto e sperato, e adesso ringraziamo la Lega che ha visto proprio nella città di Ragusa la sede ideale per potere ospitare questa manifestazione che speriamo di organizzare nel migliore dei modi. Ovviamente, insieme a tutte le componenti del nostro staff, siamo già al lavoro per pianificare ed organizzare tutto al meglio”.

I dettagli degli eventi che caratterizzeranno l’edizione 2014 della Coppa Italia saranno resi noti dalla stessa società biancoverde nei prossimi giorni.

Nell’elaborare il proprio piano organizzativo la società iblea ha dimostrato di saper cogliere gli input che da sempre la LegA ha cercato di trasmettere, inserendo gli aspetti legati alla cultura architettonica (Ragusa è una delle capitali del barocco italiano) e delle tradizioni (culturali, enogastronomiche, etc.) fondamentali per trasformare una manifestazione sportiva in un evento.

Alla luce di quanto espresso dalla classifica le Semifinali avranno i seguenti accoppiamenti:

  • sabato 15 febbraio, Famila Wuber Schio-Acqua&Sapone Umbertide e Passalacqua Trasporti Ragusa-Gesam Gas Lucca.
  • domenica 16 febbraio, finale.

Per quanto riguarda l’Albo d’Oro della Coppa Italia, Schio è la società che ne ha conquistate il maggior numero (7), seguita da Como (5), Parma (3), Faenza e Taranto (2), Ribera e Venezia (1).

 

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Leave a Reply

Your email address will not be published.