BASKET – Impresa galattica: Passalacqua in A1!

bloc 1

Adesso lo può dire. Gianstefano Passalacqua rifuggiva quando gli si chiedeva “Presidente, miriamo alla A1?”. Oggi può riempirsi la bocca di un grande A1. Un’impresa galattica che porta la Passalacqua in A1 con tre giornate di anticipo.

RAGUSA – La Passalacqua Ragusa vince anche a Battipaglia e conquista matematicamente la promozione in serie A1 di pallacanestro femminile con tre giornate di anticipo. Davanti ai tifosi, che hanno seguito la squadra in questa trasferta in terra campana, può esplodere la gioia del presidente Gianstefano Passalacqua, del coach Nino Molino e di un gruppo che ha costruito un sogno a lungo cullato. Sono le 20.55 quando il suono della sirena sancisce la fine della partita e l’inizio della festa.

LA CRONACA – Parte male la Passalacqua (7-0 al 1’ e 9-2 al 4’) che fatica a contenere sotto canestro Kourtney Treffers. La straniera di Battipaglia realizza 9 punti nel primo quarto (4/4 da due, conquista sei rimbalzi e costringe a commettere due falli Pelagia Papamichail). Virginia Galbiati rompe l’incantesimo (7-2 al 2’). A suonare la riscossa ci pensa Milica Micovic (3/4 da tre nel primo parziale) che al 6’ firma il primo vantaggio Ragusa (11-13). Poi si procede punto a punto sino al 16-15 del 10’. In apertura di secondo quarto, Anna Caliendo, Silvia Sarni, Lia Valerio e Virginia Galbiati portano avanti Ragusa (18-23 al 13’). Treffers firma sei punti consecutivi e costringe al terzo fallo Pelagia Papamichail. Ci pensa Agnese Soli, come sempre decisiva nei momenti delicati, a spezzare il break (24-25 al 15’). La partita ora procede sui binari dell’equilibrio. Al 17’ il capitano Paola Mauriello trova i suoi primi due punti con Silvia Sarni che replica da tre. Battipaglia ribatte colpo su colpo con l’ex Francesca Di Battista e Marida Orazzo e va al riposo avanti di un punto (33-32).

Al ritorno in campo, la Passalacqua si presenta con cinque punti consecutivi di Silvia Sarni e cinque di Milica Micovic (35-42 al 23’). E’ la svolta della partita, ma è soprattutto la difesa a fare la differenza. Le indicazioni di coach Molino trovano applicazione sul parquet. Treffers non trova più la via del canestro e Battipaglia perde lucidità in attacco (solo sei i punti realizzati nel parziale), mentre la Passalacqua con un break di 10-0, firmato da Paola Mauriello e Milica Micovic (al 28′ il primo libero della partita per Ragusa!) incanala su binari sicuri l’inerzia della gara e porta la Passalacqua avanti (39-52 al 30’).

Nell’ultimo quarto la Passalacqua controlla la gara e attende la sirena. La festa può cominciare.

MINIBASKET BATTIPAGLIA. Di Battista 2, Coppola, Orazzo 3, Granieri 9, Di Donato, Riccardi 13, De Pasquale, Treffers 19, Chiarella, Ramò 2. All. Massimo Riga.

PASSALACQUA RAGUSA: Micovic 17, Caliendo 4, Mazzone, Chimenz, Galbiati 6, Mauriello 9, Papamichail 2, Sarni 10, Soli 2, Valerio 5. All. Nino Molino.

ARBITRI: Alessandro Ascenzi e Giuseppe Tallone di Caserta.

PARZIALI: 16-15, 33-32, 39-52

.

 RIEPILOGHIAMO UN CAMPIONATO DI SERIE … A

LA SOCIETA’ – Portare in una società sportiva e in una squadra di basket la filosofia aziendale che ha consentito alla Passalacqua Trasporti di affermarsi a livello nazionale (e non solo) nel difficile settore della logistica. Un compito non semplice, soprattutto se si parte da Ragusa, estrema periferia dell’Italia e dell’Europa.

Gianstefano Passalacqua

Eppure, la famiglia Passalacqua, con tanto lavoro e massicce dosi di umiltà, è riuscita a costruire un’azienda da tanti indicata come un fiore all’occhiello. Tutti utili e tutti concentrati verso lo stesso obiettivo. Parlare poco, preferendo che siano i fatti ad esprimersi, lavorare tanto. Il giorno del raduno il presidente Gianstefano Passalacqua, incontrando lo staff e la squadra, fu categorico: «Non voglio sentir pronunciare la parola promozione. Per noi ci sarà soltanto lavoro, lavoro e poi ancora lavoro». Il presidente Gianstefano Passalacqua ha potuto contare su uno staff che è andato crescendo nel tempo, acquisendo quella maturità che era indispensabile per far poggiare l’intero progetto su solide basi. Un progetto che non termina oggi. La promozione in serie A1, per la famiglia Passalacqua, è infatti solo un passo verso altri traguardi.

                                                              QUADRI SOCIETARI

Presidente

Passalacqua Gianstefano

Vicepresidente

Passalacqua Davide

Direttore Tecnico

Marino Emanuele

Segretario

Carbone Giovanni

Dirigente Accompagnatore

Cappellone Valeria

Dirigente Responsabile

Padua Salvatore

Addetto Marketing e Logistica

Carnemolla Raffaele

Responsabile Settore Giovanile

Recupido Gianni

QUADRI TECNICI

Allenatore

Molino Antonio

Vice Allenatore

Ferrara Maurizio

Allenatore Settore Giovanile

Recupido Gianni

Addetto Statistiche

Padua Valeria

Preparatore Atletico

Bocchieri Giuseppe

Fisioterapista

Chessari Renato

Medico Sociale

Bocchieri Nello

Addetto Arbitri

Vincenzi Maurizio

COMPOSIZIONE SQUADRA

Atleta

Ruolo

Anno

Alt

Naz.Sp.

4

Micovic Milica

Ala

1984

182

ITA

5

Caliendo Anna

Playmaker

1983

171

ITA

6

Mazzone Federica

Guardia

1983

176

ITA

7

Chimenz Ludovica

Ala/Pivot

1990

186

ITA

8

Galbiati Virginia

Guardia

1992

173

ITA

9

Mauriello Paola

Guardia

1981

184

ITA

10

Papamichail Pelagia

Ala/Pivot

1986

186

GRE

11

Sarni Silvia

Ala/Pivot

1987

188

ITA

16

Raniolo Roberta

Playmaker

1993

162

ITA

17

Soli Agnese

Playmaker

1987

168

ITA

20

Valerio Lia Rebecca

Ala

1987

181

ITA

.

LA STORIA DEL CAMPIONATO

La Passalacqua Ragusa è promossa in serie A1. Raggiunge lo storico traguardo con tre giornate di anticipo, battendo al PalaZauli il Minibasket Battipaglia, davanti a un centinaio di tifosi che hanno raggiunto in auto e in pullman il centro campano. Il successo maturato a Battipaglia è il ventunesimo in 22 partite disputate, a conferma di un predominio che, forse, mai è stato in discussione. Il presidente Gianstefano Passalacqua corona così un progetto che ha saputo costruire con tenacia e passione in questi anni. La città di Ragusa torna ai vertici del basket nazionale riscoprendo il piacere e il gusto di frequentare il palazzetto dello sport.

Coach Molino con Maurizio Ferrara

L’INGAGGIO DI MOLINO – La straordinaria cavalcata delle ragazze allenate da coach Nino Molino e dal suo assistente Maurizio Ferrara si può dire che abbia avuto inizio già all’indomani della sconfitta contro il Cus Chieti che precluse, nella passata stagione, l’accesso alla finale dei playoff. La settimana successiva, il presidente Gianstefano Passalacqua e coach Nino Molino si sono ritrovati per verificare la possibilità di avviare un percorso comune. Una stretta di mano sancisce il ritorno in Sicilia di coach Nino Molino. Il 12 giugno, la società annuncia l’ingaggio del tecnico messinese e, insieme con il direttore tecnico Emanuele Marino, inizia la costruzione della Passalacqua Ragusa 2012-2013. L’obiettivo è quello di conquistare la serie A1 sul campo, rinunciando alle offerte di rilevare titoli sportivi di altre società o accettando eventuali ripescaggi che potevano profilarsi all’orizzonte.

IL MERCATO – Mentre Molino è impegnato con la Nazionale, la Passalacqua annuncia l’ingaggio di Milica Micovic (la prima ad accettare le offerte di Ragusa). Nino Molino viene presentato a Ragusa il 10 luglio e in quella circostanza è lo stesso tecnico ad ufficializzare l’ingaggio della pivot greca Pelagia Papamichail. Coach Molino ha avuto modo di studiarla (anche da avversaria dell’Italia) ai campionati europei ed è sicuro che possa essere la straniera in grado di aiutare la sua Passalacqua a compiere il salto di qualità. Papamichail ha un compito difficile: sostituire sul parquet, e anche nel cuore dei tifosi, una fuoriclasse come Clarisse Machanguana. Non tutti, tra gli addetti ai lavori, sono convinti di questa scelta, ma il pivot greco confermerà, domenica dopo domenica, l’intuizione di coach Molino, rivelandosi come l’atleta dal rendimento più costante ed elevato. Una dopo l’altra, si legano alla società biancoverde Anna Caliendo, Agnese Soli, Paola Mauriello (poi nominata capitano), Virginia Galbiati che vanno ad aggiungersi alle riconfermate Silvia Sarni, Lia Valerio, Ludovica Chimenz e alla ragusana Federica Mazzone. Nel frattempo, il presidente può annunciare il potenziamento del settore giovanile alla cui guida viene chiamato un tecnico di valore assoluto come Gianni Recupido.

IL CAMPIONATO – La preparazione è condotta da Peppe Bocchieri con il supporto di Roberto Benis. La Sicilia non offre molte opportunità per il precampionato (anche se le amichevoli con Priolo e Reggio Calabria lasciano subito ben sperare) e così è necessariamente una Passalacqua in divenire quella che il 7 ottobre fa il suo esordio contro la Saces Dike Napoli.

Il successo è subito bissato ad Ancona e, il 21 ottobre, al primo incrocio davvero importante, la Passalacqua supera al PalaMinardi di 13 punti (66-53) la TermoCarispezia. Il successo consente alle ragusane di isolarsi da sole in testa alla classifica, iniziando a imprimere al campionato un ritmo insostenibile per tutte le avversarie. Viterbo, Olympia Reggio Calabria, Salerno cedono a Soli e compagne che vacillano, alla settima giornata, contro Ariano Irpino.

Molino è costretto ad affrontare il quintetto più dotato fisicamente del girone meridionale della serie A2 con le lunghe Pelagia Papamichail e Ludovica Chimenz in panchina solo per onor di firma. Le campane scappano subito (0-13) ma Ragusa non esce mai dal match con Silvia Sarni che disputa una partita di grande sacrificio. Il ritorno in campo, nelle battute finali, di Papamichail consente a Sarni di allontanarsi un po’ dal canestro e di realizzare il tiro da tre punti che fa esplodere il PalaMinardi.

È la vittoria più sofferta, e forse per questo, più bella della stagione. Il 24 novembre anche la Meccanica Nova Bologna, unica squadra rimasta sulla scia della Passalacqua, è costretta, sul proprio parquet, a inchinarsi alla capolista che vola senza eccessivi patemi alla conquista del titolo di campione d’inverno che vale anche l’accesso alle final-four di Coppa Italia.

Questo eccezionale cammino si interrompe solo il 20 gennaio a La Spezia, quando le iblee escono scconfitte dal PalaSprint al cospetto di una TermoCarispezia che gioca la classica partita perfetta. Un libero nel finale di Pelagia Papamichail consente, però, alla Passalacqua di preservare la differenza canestri e, così, la sconfitta farà meno male. È solo una parentesi, come confermano i successivi successi, tutti con divari molto ampi.

 

Il team della Eirene Passalacqua
Ti è piaciuto questo articolo?

Leave a Reply

Your email address will not be published.