Basaki alle pendici dell’Etna

Pieno di medaglie per la scuola Basaki di Ragusa. La nuova squadra agonistica, formata da giovanissimi atleti, continua a regalare soddisfazioni su soddisfazioni.

RAGUSA – Domenica scorsa, all’interno del palazzetto dello sport “Palalivatino Cannizzaro – Acicastello”, si è svolta la 3° tappa del criterium Giovanissimi per le categorie ragazzi e fanciulli. Inoltre, il palazzetto ha pure ospitato la terza tappa del Gran prix Sicilia 2015 per gli esordienti A e B. La manifestazione era inserita nella dodicesima edizione del torneo “Judo alle pendici dell’Etna.

.

Basaki alle pendici dell'Etna
Basaki alle pendici dell’Etna

.

La Basaki era rappresentata dagli Esordienti B Giovanni Grillo nella categoria 50 kg e Lorenzo Licitra nella categoria 45 kg. Per la categoria Ragazzi Danilo Articolo nella 45 kg, Emanuele Disalvo per la 36 kg, Savita Russo per la categoria 32 kg. Per quanto riguarda la categoria Fanciulli, c’erano Giorgio Cappello, 42 kg, Luca Licitra, 30 kg, e Samuele Cilia, 28 kg.

Proprio da questi ultimi tre sono arrivate altrettante medaglie d’oro a coronamento di una performance praticamente perfetta e a testimonianza di una crescita davvero sorprendente.

Medaglia d’argento, invece, per Articolo, Disalvo e Russo. Bronzo per Lorenzo Licitra mentre Giovanni Grillo ha ottenuto il quinto posto.

Mi preme fare notare – dice il maestro Salvo Baglieri – non solo la crescita ottenuta da questi piccoli atleti che dimostrano tenacia ed evoluzione tecnico-tattica innata ma anche il fatto che gli stessi comincino a credere davvero in ciò che fanno e, soprattutto, in loro stessi. Lo scopo fondamentale del judo è accrescere la fiducia in sé, circostanza che poi si applica nella vita di tutti i giorni con conseguente comportante adeguato nella società. Ecco perché siamo molto attenti alla formazione di vere persone oltre che agli aspetti meramente sportivi”.

Intanto, la squadra Basaki si prepara ad accogliere la campionessa olimpionica Ylenia Scapin che tornerà il 29 novembre per tenere una serie di stage a tutti gli allievi della scuola ragusana.

Ti è piaciuto questo articolo?

Leave a Reply

Your email address will not be published.